Finalmente qualcosa si muove sul fronte flessibilità. Il governo Renzi ha deciso di mettere a disposizione circa un miliardo di euro per arrivaread una riforma del sistema previdenziale. L'obiettivo principale, secondo quanto riportato sul sito pensionioggi.it, è quello di consentire un abbassamento dell'età pensionabile che consenta un anticipo, a chi resta senza lavoro e alle donne lavoratrici, di 3 o 4 anni rispetto ai limiti attuali.

Taglio graduale fino ad azzerare le penalità per gli assegni più bassi

Per queste persone, la decurtazione dell'assegno previdenziale dovrebbe essere del 3 o 4 percento, per ogni anno di anticipo rispetto ai requisiti previdenziali della pensione di vecchiaia. Le ultime indiscrezioni che ci giungono dai quotidiani nazionali, ci dicono che le penalizzazioni dovrebbero scendere per le Pensioni più basse, fino ad azzerarsi per gli assegni al di sotto di un certo limite (1.500 o 1.000 euro lordi mensili).

In questo modo, si dovrebbe applicare un taglio graduale che protegga le pensioni più basse che, in caso contrario, sarebbero colpite notevolmente da questo sistema flessibile. Questa novità, con molta probabilità, dovrebbe essere contenuta nella prossima Legge di Stabilità.

Padoan ha confermato il taglio della Tasi sulla prima casa

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, nelle scorse ore ha dichiarato, tornando sul taglio delle tasse, della decisione del governo di procedere all'abolizione della Tasi sulla prima casa.

Nel suo intervento ha anche annunciato delle modifiche da applicare ai contributi per i contratti a tempo indeterminato. 'Credo non sia più necessario intervenire, dato che non siamo più in emergenza. Le risorse finanziarie potrebbero, per esempio, essere destinate a sgravi fiscali allo scopo di incrementare gli investimenti e favorire la crescita', ha sottolineato il ministro Padoan. Tra le ipotesi che l'Esecutivo potrebbe prendere in considerazione c'è quella di un credito d'imposta che dovrebbe essere destinato allo sviluppo di alcuni investimenti specifici.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!