È terminata nella giornata di ieri, giovedì 10 marzo 2016, la discussione congiunta in Senato relativa ai quattro ddl relativo alle tematiche di amnistia ed indulto che da lungo tempo sono in fase di approvazione presso il nostro Parlamento. In attesa di scoprire quelle che sono state le decisioni dei nostri rappresentanti politici sono però giunte novità importanti relativamente al mondo della giustizia viste le interviste rilasciate sia dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando sia da Susanna Marietti, coordinatrice nazionale dell'associazione Antigone che si occupa da oltre vent'anni del mondo dei penitenziari e della giustizia.

News amnistia, indulto e sovraffollamento: il Ministro esprime la propria soddisfazione

Dopo la notizia della promozione da parte della CEDU relativamente alla spinosa "Questione Torreggiani", non si sono fatte attendere le dichiarazioni ufficiali degli esponenti politici ed in particolar modo quelle del Ministro Orlando. Il ministro ha immediatamente evidenziato grande soddisfazione per la decisione della Commissione Europea di archiviare l'indagine ma anche il fatto che l'Italia possa finalmente essere presa come esempio per la parziale risoluzione di ungrave problema come quello del sovraffollamento delle carceri.

L'intervista si è poi conclusa con speciali ringraziamenti da parte del politico nei confronti dell'ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ma anche con la promessa di continuare nel processo di miglioramento del mondo dei penitenziari.

Nella stessa giornata sono inoltre da ricordare le parolerilasciate sul Manifesto da parte di Susanna Marietti. La donna, al contrario delle parole del Ministro della Giustizia, ha però precisato come la situazione attuale sia ancora particolarmente negativa (i numeri pubblicati nelle scorse ore hanno infatti sottolineato come il problema del sovraffollamento sia ancora evidente in Italia) e che, senza la pressione della Commissione Europea, i rischi di possibili ritardi nelle discussioni sulle tematiche di amnistia ed indulto potrebbero aumentare notevolmente.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto