Sappiamo bene come la riforma Buona Scuola abbia strizzato l'occhio alle scuole paritarie e come il governo abbia proseguito su questa strada anche attraverso altri provvedimenti come quelli contenuti nel decreto scuola 42/2016, approvato qualche settimana fa, all'interno del quale è stato deciso lo stanziamento di 12, 2 milioni di euro per il 2017 da destinare alle scuole paritarie a sostegno dell'istruzione degli alunni disabili: agli istituti andranno 1000 euro per ogni studente iscritto.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Scuola

Ultime news scuola, giovedì 16 giugno 2016: Giannini 'Scuole paritarie e statali devono camminare insieme' 

Le dichiarazioni rilasciate poco fa dal ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, sembrano proseguire verso questa direzione.

In occasione della presentazione del saggio  'Il diritto di apprendere. Nuove linee di investimento per un sistema integrato', scritto da Anna Monia Alfieri, Marco Grumo e Maria Chiara Parola, il ministro ha ribadito l'importanza di un 'pluralismo' richiesto dalla nostra società in merito all'istruzione. 

'Sostenere le scuole paritarie vuole dire sostenere la scuola pubblica' ha sottolineato il numero uno del Miur che, tra l'altro, si è occupata della stesura della prefazione del libro.

Giannini 'Non bisogna accendere conflitti, nè dar vita a derby immaginari'

A maggior ragione, le statali e le paritarie devono camminare insieme, senza 'derby immaginari' oppure la nascita di conflitti. Ecco perchè, a questo proposito, il governo ha provveduto a sostenere le paritarie attraverso il decreto scuola, questo perchè i principi di inclusione sociale, integrazione e solidarietà sono validi in tutte le scuole, siano esse statali o paritarie.

I migliori video del giorno

Il ministro Giannini ha, poi, menzionato un altro provvedimento contenuto nella Buona Scuola, ovvero lo 'School Bonus': si tratterà di uno strumento che interesserà anche le scuole paritarie visto che, a giudizio dell'onorevole, cambierà l'approccio all'investimento sulla scuola, soprattutto perchè chi deciderà di fare donazioni potrà beneficiare di particolari vantaggi fiscali.