Le ultime notizie Scuola ad oggi, giovedì 22 dicembre 2016, ci riconducono alle parole di un comunicato emesso da ADAM (Associazione Docenti Abilitati per Merito), comunicato che vuole sensibilizzare il ministro dell'Istruzione a prendere in esame la posizione attuale del precariato della scuola pubblica italiana ed, in particolar modo, quella dei docenti di seconda fascia di istituto che ancora non sono riusciti ad avere delle certezze in merito al loro destino.

Ultime news scuola, giovedì 22 dicembre 2016: ADAM, inserimento nelle GaE di tutti i docenti abilitati

La pessima riforma Buona Scuola ha creato solo incertezza e lo testimonia il fatto che molti docenti precari sono ancora presenti nelle Graduatorie ad Esaurimento e nelle Graduatorie di Istituto.

Si è parlato molto, nelle ultime settimane, di 'fase transitoria' ovvero di quel passaggio dal vecchio sistema di reclutamento a quella che sarà la nuova riforma. Il problema è che mancano risposte certe e questo stato di incertezza, naturalmente, non può far altro che preoccupare i docenti che, da anni, stanno aspettando la loro stabilizzazione.

Assunzione docenti abilitati: appello al ministro Fedeli per istituzione doppio canale assunzionale

Da qui parte l'appello al neo ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli e, più in generale, al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, per un inserimento nelle graduatorie ad esaurimento dei docenti abilitati, unitamente a tutti coloro che conseguiranno la specializzazione sul sostegno, frequentando l'ultimo corso TFA di cui è appena uscito il bando.

Bisogna cambiare direzione rispetto a quella intrapresa con la riforma Buona Scuola e l'inserimento nelle GaE potrebbe essere considerato come un piccolo risarcimento, alla stregua degli abilitati SSIS che non hanno visto un adeguato riconoscimento al loro titolo abilitativo. Si chiede, inoltre, che venga istituito un doppio canale assunzionale che possa garantire a questi docenti abilitati il diritto all'assunzione a tempo indeterminato dopo l'esaurimento definitivo delle GaE.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!