Le ultime notizie sulla riforma pensioni, ad oggi, lunedì 3 luglio 2017, sono relative alla ripresa del confronto Governo-sindacati sulla 'fase 2' della riforma Pensioni: dopo le polemiche e le critiche che hanno accompagnato l'arrivo dell'Ape Sociale e della misura di anticipo pensionistico destinato ai lavoratori precoci, c'è molta attesa per la discussione del futuro previdenziale dei giovani. Inoltre, vi parleremo delle dichiarazioni dell'ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sulla contestatissima Legge Fornero.

Pubblicità
Pubblicità

Pensioni, notizie oggi 3 luglio 2017: domani riprende confronto Governo-sindacati

Come già annunciato nei giorni scorsi, domani, martedì 4 luglio, riprenderà il confronto Governo-sindacati per ciò che concerne la cosiddetta 'fase 2' della riforma pensioni: infatti, le parti sociali si attendono una proposta, da parte dell'esecutivo, che miri a costruire un meccanismo di anticipo pensionistico per le nuove generazioni, alle prese con tante, troppe incognite per il futuro.

Pubblicità

Come riportato dall'agenzia di informazione Ansa, le principali sigle sindacali, Cgil, Cisl e Uil si ritroveranno il prossimo 13 luglio in assemblea unitaria allo scopo di discutere in merito al temutissimo aumento dell'età pensionabile attraverso il meccanismo automatica della crescita dell'aspettativa di vita.

Ultime notizie pensioni ad oggi 3 luglio 2017: Renzi 'Legge Fornero non era sbagliata'

Non mancheranno certamente di far discutere le parole pronunciate dall'ex Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel discorso ai circoli del Partito Democratico.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

L'ex premier continua a sostenere il lavoro del suo successore, Paolo Gentiloni, giudicando come 'straordinaria' la difesa della contestata Legge Fornero. A questo proposito, Renzi crede che la riforma previdenziale probabilmente più criticata nella storia della Repubblica, non fosse sbagliata: 'Il presupposto era giusto - ha dichiarato Renzi, sottolineando come non fosse possibile andare tutti in pensione con l'allungamento dell'età media.

'Gli scatti erano però eccessivi' ha dichiarato l'ex sindaco di Firenze. Non è mancata, neppure, la battutina pungente nei confronti della sinistra che ha accusato Renzi di aver portato il Partito Democratico fuori dalle questioni più a cuore della sinistra tradizionale. A proposito della quattordicesima, Renzi dice che negli anni in cui c'erano loro, non ne hanno mai parlato. Per rimanere sempre aggiornati sulle ultime notizie relative al confronto sulla riforma pensioni, potete cliccare il tasto Segui che troverete accanto alla firma del presente articolo.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto