Sono 102 le procedure di licenziamento per i lavoratori di Sky Italia: inizialmente, le persone coinvolte dalla riorganizzazione del colosso televisivo erano 571, ma per l’82% si sono trovate soluzioni consensuali.

Sky Italia: aumentano i ricavi (e i licenziamenti)

È davvero difficile trovare una spiegazione alla riorganizzazione di Sky in Italia che nel corso dei mesi si è concretizzata in una drastica riduzione del personale.

In questo processo, il ruolo principale lo ha svolto il trasferimento di gran parte della sede romana nella città di Milano. E già qui sorge il primo interrogativo: come può accadere che la Capitale – politica e amministrativa – d’Italia, subisca il ridimensionamento della redazione di un’emittente che proprio dell’informazione politica fa uno dei suoi punti di forza? Ma soprattutto: come mai, un’azienda che solo pochi giorni fa ha annunciato un aumento degli utili del 139% (con ricavi che aumentano del 4%), ricorre alla drammatica misura dei licenziamenti?

La 'riorganizzazione' di Sky Italia

Come aveva annunciato lo scorso gennaio dunque, Sky Italia sta motivando i tagli previsti con la riorganizzazione. Lo scorso 16 maggio era stata avviata la procedura e già dal primo giorno l’azienda aveva reso noto che l’82% dei dipendenti aveva aderito alla social mitigation, ovvero a una soluzione che prevedeva 24 mensilità come buonuscita oppure che consisteva nel trasferimento a Milano.

Per molti dipendenti, però, il trasferimento nel capoluogo lombardo era impossibile per motivi familiari e logistici. Nel frattempo, lo scorso marzo, durante l’udienza in piazza San Pietro, Papa Francesco aveva rivolto il suo appello a Sky Italia: “ll lavoro – aveva dichiarato Bergoglio – ci dà dignità e i responsabili dei popoli, i dirigenti, hanno l’obbligo di fare del tutto purché ogni uomo e ogni donna possa lavorare e così avere la fronte alta, guardare in faccia gli altri con dignità.

Chi per manovre economiche, per fare negoziati non del tutto chiari, chiude fabbriche, chiude imprese e toglie il lavoro agli uomini, questa persona fa un peccato gravissimo”.

Sky Italia e le proposte dei sindacati

Poi, per scongiurare i licenziamenti dei restanti dipendenti, le organizzazioni sindacali avevano avanzato varie proposte all’azienda: tra le richieste, c’era la trasformazione dei contratti in part-time, oppure che i lavori amministrativi fossero lasciati a Roma facendoli svolgere da remoto (come del resto già vengono effettuati); sono state ipotizzate forme di lavoro che dovrebbero essere normali per un’azienda all’avanguardia come Sky (lo smart-working o il telelavoro); è stato chiesto il Fis – fondo integrativo salariale – per tutte quelle persone che non potevano essere ricollocate né a Milano né a Roma e che sarebbero andate un anno in Fis per poi cercare di trovarsi un lavoro.

Niente da fare: Sky Italia ha sempre rifiutato queste offerte, pretendendo – secondo le organizzazioni sindacali - di scegliere chi mandare a Milano e chi ricollocare su Roma, licenziando tutti gli altri.

Il silenzio della politica

In tutto questo la politica locale cosa ha fatto? “Le istituzioni non ci hanno dato una mano – hanno fatto sapere alcuni dipendenti rimasti molto delusi – né il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, né l’assessore al Lavoro della Regione Lazio, Lucia Valente, si sono mai interessati.

La Valente, si è presentata solo a fine riunione per invitarci a firmare un accordo secondo lei buono. Anche il ministero del Lavoro si è schierato a favore dell’azienda e non certo dei lavoratori”. “Sky deve attenersi alle regole e alle leggi italiane – ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli – Ci sono responsabilità importanti di cui devono farsi carico i veri imprenditori con il corollario di illuminati manager al seguito. Ma ci sono pensatissime responsabilità anche politiche e istituzionali. Il pesante ridimensionamento della sede romana alla quale i governi locali, con Raggi e Zingaretti, hanno assistito praticamente inermi è un ulteriore passo verso la desertificazione economica e imprenditoriale della Capitale, priva di quelle capacità attrattive e di mantenimento degli investimenti che dovrebbero contraddistinguerla. Credo sia davvero il momento di porre nuovamente ma diversamente dal secolo scorso, la Questione romana al centro dell’agenda del governo italiano”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto