Il cedolino dello stipendio di aprile 2019 è in arrivo e nei prossimi giorni sarà scaricabile dagli amministrati NoiPa, dalla propria sezione personale. La novità di questo mese è il ritorno dell'indennità di vacanza contrattuale per i dipendenti statali: si tratta di pochi euro in più, ma questi non rappresentano il vero aumento. Per quest'ultimo bisognerà attendere, infatti, il rinnovo del Ccnl 2019/2021, sul quale non si sono aperte ancora le trattative vere e proprie, anzi si profilano diverse difficoltà all'orizzonte.

Pubblicità

Cedolino stipendio aprile 2019 su NoiPa, le date

Il cedolino mensile sarà pubblicato a breve su NoiPa. Ogni amministrato potrà scaricare e leggere le diverse voci relative allo stipendio di aprile 2019 tra pochi giorni, anche sul proprio smartphone grazie alla nuova app ufficiale. Nel cedolino si potrà visualizzare il dettaglio degli 'aumenti' e le detrazioni per addizionali comunali e regionali, che dal mese scorso sono di nuovo presenti e lo saranno fino a novembre. La data di accredito dello stipendio di questo mese è stata confermata per martedì 23 aprile.

Coloro che riceveranno lo stipendio in tale giorno saranno i docenti e gli Ata con contratto a tempo indeterminato o determinato (supplenza al 31 agosto o 30 giugno). Per giovedì 18 aprile è prevista, invece, l'emissione speciale relativa ai supplenti temporanei: l'accredito verrà poi effettuato circa dieci giorni dopo (sarà NoiPa a comunicarlo tramite un avviso). L'emissione rappresenta la fase nella quale NoiPa, dopo aver raccolto i dati degli amministrati, li elabora; l'esigibilità è, invece, la data in cui viene accreditato lo stipendio presso gli istituti di credito dei dipendenti.

Pubblicità

Le date di esigibilità, normalmente, sono le seguenti:

  • 23 del mese: rata ordinaria;
  • 27 del mese: accredito stipendio comparto Sanità;
  • entro dieci giorni lavorativi dopo l'emissione speciale o urgente.

NoiPa anticipa l'accredito qualora il 23 del mese cada in un giorno festivo, come successo più volte nei mesi scorsi.

Indennità di vacanza contrattuale nello stipendio di aprile

Nello stipendio di aprile, oltre alle detrazioni, sarà presente l'indennità di vacanza contrattuale (Ivc). Questa verrà erogata fino alla stipula del nuovo contratto, sul quale non c'è stata ancora l'apertura del tavolo dei lavori.

I leggeri aumenti dovuti all'indennità di vacanza contrattuale, talvolta, potrebbero non essere percepiti a causa della presenza delle addizionali comunali e regionali. Queste persisteranno per nove mesi, fino a novembre. Le cifre dell'indennità contrattuale sono piuttosto basse e variano in base al profilo professionale (docenti e Ata) e all'aliquota Irpef applicata: vanno da un minimo di 2,99 euro mensili netti (aliquota Irpef 38%) per i collaboratori scolastici a 4,43 euro per i Dsga. A luglio le cifre dell'indennità di vacanza contrattuale varieranno e saranno leggermente più alte (+0,70%), come comunicato da NoiPa.

Pubblicità