Il Lecce non è riuscito neanche quest'anno a raggiungere la tanto desiderata promozione in cadetteria. Di certo, però, la solidità della società resta molto forte e non è in discussione l'impegno dei vari soci nel progetto Lecce. Già prima dell'epilogo della stagione, il Lecce era cresciuto, come aveva anche accennato il Presidente Onorario Saverio Sticchi Damiani. Secondo le indiscrezioni, entro fine giugno, sarebbero pronti ad entrare in società, infatti, due nuovi soci: tra i probabili azionisti della società salentina, la famiglia Carofalo e gli imprenditori vitivinicoli di San Pietro Vernotico proprietari dei marchi Megale Hellas.

Si tratta di linfa vitale per il Lecce che così può far crescere il proprio capitale sociale.

Insomma, una delusione sportiva forte quella della mancata promozione, che però non ha intaccato i programmi di una società che vuole ripartire più forte di prima dopo l'eliminazione dai play off. Anzi, la dirigenza giallorossa ha già fatto intendere che farà di tutto per confermare coloro che faranno parte del prossimo progetto tecnico. I calciatori di valore, di certo non saranno svenduti, dunque. Da Caturano ad Arrigoni, da Cosenza a Torromino, da Costa Ferreira a Mancosu, da Pacilli a Ciancio, senza dimenticare l'intoccabile capitano Checco Lepore, il Lecce dovrebbe ripartire da qui. Non è invece chiara ancora la situazione di Filippo Perucchini: il Lecce aveva strappato un accordo a voce in estate alla società proprietaria del cartellino, per un eventuale rinnovo del prestito, ma su carta ancora non c'è nulla.

I migliori video del giorno

Dunque, nelle prossime settimane il Lecce farà di tutto per trattenere l'estremo difensore giallorosso.

Questione allenatore: restano due in pole

Sulla questione allenatore, come già detto, restano due i nomi in pole: Calabro e Rizzo. Nel week end, la dirigenza salentina incontrerà Roberto Rizzo [VIDEO] e farà il punto della situazione. Di certo l'intenzione di proseguire insieme c'è ancora, ma se non dovesse essere trovato un punto di incontro o ci saranno delle distanze tra le parti, il Lecce virerà sul giovane allenatore salentino, Antonio Calabro. L'ex mister della Virtus Francavilla è molto seguito anche dall'Arezzo, ma l'interesse del Lecce ha arenato la trattativa con i toscani. Si deciderà tutto tra il fine settimana e l'inizio della prossima, successivamente il Lecce avrà già l'allenatore per la prossima stagione.