“Il bullismo è un fenomeno che preoccupa”. Così il Santo Padre ha aperto il suo discorso nel pomeriggio di sabato 25 marzo allo Stadio San Siro, davanti a 80.000 cresimandi della Diocesi di Milano.

Le parole del Papa ai ragazzi

“Nel vostro quartiere o nella vostra scuola c’è qualcuno che prendete in giro? Vi fate beffa di lui? Magari perché ha qualche difetto… Lo picchiate? Pensate. A voi piace? Ecco, questo si chiama bullismo” – ha proseguito Papa Francesco, dialogando direttamente con gli adolescenti presenti.

Pubblicità
Pubblicità

Poi rivolgendo lo sguardo a tutto quel grande pubblico attento, silenzioso, in ascolto ha chiesto “Promettete di non prendere mai in giro in modo pesante e di fare in modo che nessuno lo faccia?” E tutti, tutti e 80.000 con voce intensa hanno risposto – “Sì!”.

Questione di coraggio

Un dialogo aperto, vivace, come quello che dovrebbe accompagnare la crescita di tutti gli adolescenti affinché crescano forti e non debbano subire le prevaricazioni di chi si fa branco per aggredire e sopraffare il più fragile.

Pubblicità

Di questo ha voluto parlare Papa Francesco e da questo tema è partito anche Andrea Ballabio, in arte Ciccio Pasticcio, per intrattenere i giovani intervenuti al Meazza di Milano. Ha raccontato la storia di Luca, un ragazzo semplice e taciturno con l’unica colpa di essere “un secchione”. Quando la famiglia attraversa un periodo di difficoltà economiche, non può permettersi gli abiti firmati e le scarpe di tendenza e da un gruppo di bulli viene preso di mira.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Papa Francesco

Gli scherzi si fanno sempre più pesanti, finché un compagno trova il coraggio di parlarne con il professore di educazione fisica e tutto cambia. Il CORAGGIO è la chiave per fermare il bullismo e insieme si può fermare il bullo.

Il valore dell'amicizia

L’amicizia diventa allora un messaggio importante, un valore che in oratorio cresce spontaneo quando si gioca insieme e insieme si impara a rispettare l’altro.

Questo è ciò che da anni fa Pepita Onlus non solo negli oratori, ma nelle scuole e nelle associazioni sportive, al fianco dei ragazzi, ma anche delle loro famiglie.

“Il bullismo ha tante facce” – ha commentato Ciccio Pasticcio – “ma se impari a riconoscerlo, trovi la forza di parlarne. La prevenzione passa attraverso l’alleanza educativa tra tutte le figure adulte che gravitano attorno ai ragazzi e la responsabilizzazione attiva che riusciamo a far emergere in loro.

Pubblicità

Dobbiamo renderli più consapevoli del fatto che le azioni hanno delle conseguenze e le parole “fanno più male delle botte”, per citare le ultime parole della lettera di Carolina Picchio, suicida a 14 anni sopraffatta dalle offese sul suo profilo social”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto