Moda

Moda, stile, tendenze: tutto sugli ultimi trend, gli accessori must have, gli influencer del momento!

1.Cos'è la moda?

Il termine moda indica uno o più comportamenti collettivi con criteri mutevoli. Questo termine è spesso correlato al modo di vestirsi. La moda - detta anche, storicamente costume - nasce solo in parte dalla necessità umana correlata alla sopravvivenza di coprirsi con tessuti, pelli o materiali lavorati per essere indossati. In realtà l'abito assunse anche precise funzioni sociali, atte a distinguere le varie classi e le mansioni sacerdotali, amministrative e militari.

2.Moda e costume: un pò di storia...

Nell'Ottocento, la tecnica sartoriale andò affinandosi rendendo più agevole indossare il vestito. Dal XIX secolo si iniziano a distinguere i primi stilisti, che creavano nuovi tagli, nuove stoffe e nuovi canoni nel modo di abbigliarsi, con l'adozione di nuovi abiti femminili quali il tailleur inventato alla fine del secolo dall'inglese Redfern. Lo stilista capovolse il rapporto tra il sarto e la cliente, che ora dipendeva dalle sue idee ed era ben felice di indossare un abito firmato da lui e realizzato nel suo atelier.

Gli stilisti lavoravano solo per l'élite poiché i costi per l'ideazione e per la produzione erano molto alti. Questo nuovo impulso di riforma fu principalmente portato avanti da Charles Fréderic Worth, inglese trapiantato in Francia, considerato l'inventore della Haute Couture e sarto personale dell'imperatrice Eugenia, moglie di Napoleone III, e della sua corte, dal 1865. La rivoluzione industriale nata in Inghilterra alla fine del XVIII secolo, creò, nel campo della moda e della tessitura, macchine che permettevano di tessere, tagliare e cucire con rapidità e a basso costo. Tuttavia la moda si avvicinò alla massa solo verso la metà dell'Ottocento, grazie all'invenzione di macchine per tagliare le pezze di tessuto e all'introduzione del telaio meccanico jaquard.

3.La moda nel 900

Il 900 ha visto nel settore moda una serie di rivoluzioni cicliche che corrispondono ai vari decenni. Se negli anni 20-30 Coco Chanel rivoluziona l'abito femminile con l'introduzione del tailleur, del pantalone e del petit robe noir, con gli anni '50 sono cutourier come Christian Dior e Cristobal Balenciaga a laciare il segno con il new look e una moda sempre più scultorea ed elegante.

Seguono le incursioni le rivoluzioni pop degli anni '60, con la minigonna di Mary Quant e gli stampati di Emilio Pucci. Poi lo stile provocatorio di Yves Saint Laurant e l'invenzione del pret-a-porter da parte di Walter Albini negli anni '70.

4.Gli anni 80 e il Made in Italy

Negli anni ottanta si assistette a una ridefinizione completamente nuova della professione dello stilista. Non bastava più essere un buon artigiano e creare capi di ottima fattura e qualità: seguendo l'esempio delle più sofisticate strategie pubblicitarie, occorreva dare un'immagine accattivante del proprio prodotto.

Ridotta l'importanza della haute couture francese, ogni nazione sviluppò uno stile differente. In Europa, in particolare, il successo del Made in Italy in questo periodo derivò anche da abili strategie di marketing. Milano strappò la palma di capitale della moda a Firenze, Venezia e Roma. Diventarono famosi stilisti come Giorgio Armani, Ottavio Missoni, Gianfranco Ferrè, Gianni Versace, Dolce & Gabbana, Miuccia Prada e Krizia. Il successo di D&G fu dovuto alla pop star Madonna, entusiasta degli abiti dall'erotismo chic e trasandato, con calze nere e biancheria intima da portare in vista.

5.Gli anni del Duemila

La moda che ha caratterizzato i primi vent’anni del 2000 è stato un continua tira e molla tra passato e innovazione. Divenuta ormai quasi maniacale la cura del corpo e l’imitazione delle più grandi pop star, come ad esempio Britney Spears, sono numerose le sottoculture legate alla musica e al cinema. Non esiste una linea chiara, molti la descrivono infatti come un calderone in cui convergono stili diversi, facilitati dalla globalizzazione e dall’incontro delle diverse culture. A dominare è sicuramente uno stile casual elegante. C’è un ritorno della scarpa da ginnastica, l’eliminazione da parte di quasi tutte le grandi case di moda, della pelliccia e soprattutto una forte consapevolezza verso l’ambiente, un rifiuto quindi di una produzione incontrollata e l’adozione di materiali riciclati. Questi anni perdono però anche importanti stilisti: Valentino lascia la griffe; Yves Saint Laurent e Karl Lagerfeld vengono stroncati invece da mali incurabili.

Chi segue il Canale Moda?

Monica Carlessi Emanuele Galia Prodan Nicusor Giovanni Delia Anna Maria Redavid Annalisa Tortora Angela Carolina Moreira Sorrentino
author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Valeria Oggero

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Eleonora Bortoletto

author-avatar

Vincenzo Piccolo

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Gionatan Paglialonga

author-avatar

Francesco Mario Passaro

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Francesco Mario Passaro

author-avatar

Elisa Di Giacomo

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Alberto Ramazzina

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Nicoletta Natoli

author-avatar

Chiara Sorice

author-avatar

Camilla Tabarrini

author-avatar

Chiara Perrucci

author-avatar

Synnove Sakser

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Antonella Azzimonti

author-avatar

Paola Pezzi

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Mario Ruggiero

author-avatar

Claudia Perseli

author-avatar

Ylenia Boscarato

author-avatar

Ylenia Boscarato

Questo Canale è curato dal nostro esperto
splnews
Contributor
Donatella Mulvoni is a contributing content manager at Blasting News for the Italian market. She earned a degree in Journalism and Communication in Rome, at La Sapienza. She lives in New York since 2008. Donatella has been a contributor to several Italian media outlets, including Il Gruppo Espresso, Secolo XIX, Quotidiano Nazionale, Linkiesta, Oggi, Agi, America Oggi. As a producer, she works as a freelancer for Rai television and Mediaset.
Suggerisci una correzione