In seguito alle numerose critiche piovute da rete e Parlamento per le ennesime espulsioni dei deputati Artini e Pinna, Beppe Grillo ha deciso di farsi da parte inviando agli iscritti al Movimento il cosiddetto "comunicato politico numero 55", in cui l'ex comico afferma di essere stanco e sentire la necessità di riposarsi, pur rimanendo garante della forza politica creata insieme all'amico Casaleggio. Grillo, poi, chiama a raccolta i suoi elettori specificando che affiderà a cinque dei suoi fedelissimi le scelte e le decisioni da prendere da questo momento in poi, per il bene del Movimento.

Si tratta dei volti più noti in rete e maggiormente apprezzati soprattutto sui social network.

Partiamo da Alessandro Di Battista, che ha oltrepassato i 300mila fan su facebook e sembrerebbe il principale indiziato per ricoprire il ruolo di candidato premier dei 5 Stelle alle prossime elezioni politiche. Un trascinatore delle piazze, il romano, che punta a raccogliere i voti dei delusi del Partito Democratico, considerato che Dibba in svariate occasioni si è reso protagonista di accesi battibecchi con alcuni deputati del PD, reo a suo dire di non rappresentare più il popolo e gli ultimi, piegato senza indugi dalle richieste governative di Silvio Berlusconi.

Luigi Di Maio è conosciuto soprattutto per aver ricoperto il ruolo di vice presidente della Camera dei Deputati: giovanissimo, il ragazzo campano si è fin da subito mostrato equilibrato ed è stato forse l'unico a dialogare con le altre forze politiche presenti in Parlamento.

Sarebbe un ottimo pretendente alla Presidenza del Consiglio se consideriamo che ha raggiunto quota 260mila fan su facebook ed è apprezzato da quella parte della sinistra che vede invece in Di Battista un semplice rivoluzionario alla Robespierre.

Roberto Fico non ha sicuramente la stessa "parlantina" dei primi due, al momento è Presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai ma complessivamente non sembra reggere il confronto caratteriale con la verve degli altri fedelissimi di Grillo e Casaleggio.



Passiamo a Carlo Sibilia, uno dei più giovani a sedere in Parlamento e sicuramente uno che andrebbe a prendersi i delusi di Berlusconi e, in particolare, del centrodestra, avendo aperto vivaci dibattiti in Parlamento sull'uscita dall'euro e sulla questione Bilderberg.

Chiudiamo con l'unica donna in lizza, Carla Ruocco.

Napoletana anche lei, la deputata grillina si è battuta spesso per i valori della famiglia e delle donne ed ha un carattere più pacato e ragionevole rispetto alla "focosa" Paola Taverna, tagliata fuori dalla lista di Grillo in seguito alle polemiche con il quartiere di Tor Sapienza per la questione degli immigrati.

Segui la pagina Matteo Salvini
Segui
Segui la pagina M5S
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!