Le primarie del Partito Democratico non sembrano aver riavvicinato gli elettori al partito che domenica deciderà il proprio segretario. Anzi, dai sondaggi elettorali odierni realizzati da Index risulta esserci un centro-destra sempre più in spolvero grazie all'asse Berlusconi-Meloni-Salvini che, se confermato, rappresenterebbe la prima coalizione in Parlamento.

Il sondaggio Index al 28-04-2017

Chi può sorridere di meno è sicuramente il Movimento 5 Stelle che vede diminuire il proprio consenso attestandosi al 30,2% perdendo in una settimana lo 0,4%.

Il movimento capitanato da Beppe Grillo sembra soffrire nelle ultime settimane e non sembra essere in grado di superare in modo deciso la soglia del 30%. Il vento di primarie ha portato un leggero guadagno di consensi per il Partito Democratico che si riavvicina al M5S registrando un 25,6% con un rialzo dello 0,1%. Nel caso in cui il prossimo segretario nazionale riuscisse a costruire rapporti con la sinistra radicale composta da Sinistra Italiana, attualmente al 2,4%, e da Democratici e Progressisti, attualmente al 4,0%, il centro-sinistra sarebbe la prima forza del Paese riuscendo a raggiungere il 32,0% ma una coalizione risulta essere proprio questione di fanta-politica dopo tutti gli attacchi avvenuti in queste settimane.

In grande spolvero il centro-destra con Forza Italia che registra un rialzo dello 0,2% dopo la notizia che il ricorso alla Corte di Strasburgo sull'applicazione della Legge Severino nei confronti di SIlvio Berlusconi sarà giudicato dalla Camera Grande. Leggermente dietro a Forza Italia segue la Lega Nord che rimane invariata rispetto alla settimana precedente fermandosi al 12,4% mentre Fratelli d'Italia perde leggermente terreno fermandosi al 4,9%.

L'intera coalizione di centro-destra risulta essere quindi in vantaggio su tutte le altre con il 30,5%. L'ago della bilancia potrebbe perciò essere nelle mani di Area Popolare che attualmente riesce a mantenere un consenso intorno al 2,6% e che potrebbe essere decisivo nel computo finale per definire gli equilibri della nuova legislatura.

Bisogna ricordare che qualsiasi tipo di ragionamento sulla composizione della prossima Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica sono vane fino a quando non si avranno informazioni chiare sulla nuova legge elettorale la cui discussione dovrebbe approdare in Parlamento il 29 maggio.

Segui la pagina Sondaggi Politici
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!