Nella serata di venerdì 16 febbraio, nel pieno della campagna elettorale, si è svolta un'iniziativa politica nel circolo Pd "Tina Anselmi" di Casalecchio di Reno (BO), a cui è intervenuto Pierferdinando Casini. L'ex presidente della Camera, seppur in quota a "Civica Popolare" di Beatrice Lorenzin, è infatti il candidato unico della coalizione di centrosinistra al Senato nel collegio uninominale di Bologna. Dove sfiderà fra gli altri, l'ex presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani in quota a "Liberi e Uguali".

La foto di Casini sotto ai quadri di Gramsci, Togliatti, Di Vittorio e Matteotti diventa virale

La serata di dibattito è diventata però oggetto di discussione e ironie sui social network per una foto molto particolare di Pierferdinando Casini, sotto a quattro quadri ritraenti altrettanti padri storici della sinistra in Italia: precisamente Palmiro Togliatti, Antonio Gramsci, Giuseppe Di Vittorio e Giacomo Matteotti. Quadri che sono apposti nel circolo bolognese del PD e che in passato era stato luogo di incontro di altri partiti della sinistra. La foto sta adesso diventando letteralmente virale sul web, in particolare su Facebook, con centinaia e centinaia di condivisioni e migliaia di commenti ironici, in cui molti sottolineano l' "ossimoro" fra le quattro figure storiche della sinistra e la biografia dello stesso Casini, fra i fondatori del centrodestra e alleato per anni con Berlusconi, Bossi e Fini.

Casini attacca Di Maio: 'E' un barbaro in doppiopetto'

E in effetti è proprio sotto ai quattro quadri che Pierferdinando Casini ha effettuato il suo intervento pubblico davanti a decine di persone, affermando fra le altre cose: "I barbari sono alle porte e non mi riferisco ai pazzi scriteriati che abbiamo visto sfilare a Bologna, ma parlo di altri in doppiopetto, come Di Maio che da steward andava ad accompagnare la gente in tribuna d'onore del Napoli e che oggi vuol fare il presidente del Consiglio.

Sono pericolosi e dobbiamo evitare che M5S e Lega abbiano il 51%, avendo così la tentazione di formare un Governo che sarebbe un misto di incompetenza e arroganza". Poi ha aggiunto: "Io nell'ultimo giorno di legislatura avrei voluto approvare lo Ius Soli e non lo dico ora perché sono vicino al PD, anzi lo dicevo già nel 2002 da presidente della Camera per il centrodestra: si deve distinguere fra coloro che vengono in Italia a delinquere e invece i ragazze che vanno a scuola coi nostri figli e che vanno legati a un destino comune con il nostro.

Se io nel 2002 da terza carica dello Stato volevo lo Ius soli e nessuno mi contestava, neppure da destra, oggi invece siamo tornati indietro anziché andare avanti. E' successo perché c'è qualcuno che usa veleno pur di avere qualche voto in più"

Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la pagina Pd
Segui
Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!