Importanti novità in arrivo per l'assegno di divorzio. È stato approvato, a larga maggioranza alla Camera, il nuovo DDL con le modifiche apportate alla legge sull’assegno di divorzio. Molti i cambiamenti inseriti nel decreto legge tra i quali quello che prevede la determinazione dell'assegno devoluto all’ex partner non solo in base al suo reddito ma anche dal suo effettivo patrimonio ed alla possibilità che possa decadere, con il variare della sua condizione economica.

Assegno di divorzio: tutte le novità

Cambiano le regole sull’assegno di divorzio e secondo i nuovi indirizzi della giurisprudenza, saranno necessari diversi parametri per la determinazione della sua entità. Infatti, secondo le nuove linee del decreto legge, dovrà avere tendenzialmente una natura assistenziale, compensativa e perequativa e non ci si potrà più basare, come si è fatto in passato, sul cosiddetto ‘tenore di vita’ ma si terranno presenti nuovi fattori di valutazione.

Come abbiamo visto, quindi, l’importo dell’assegno non sarà più strettamente legato alle precedenti abitudini di vita e all’indipendenza di tipo economico del partner e neanche alle rinunce e ai sacrifici adottati durante il corso del matrimonio.

Saranno invece tenuti presenti altri fattori come l’età dei coniugi, la durata del matrimonio, oltre al reddito anche il patrimonio di entrambi e l’effettiva impossibilità di un guadagno autonomo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Un’altra novità è quella legata alla possibilità che l’assegno non sarà per sempre e che sarà compito del Giudice stabilire una eventuale decadenza dello stesso se l’ex coniuge che lo percepisce risulti in grado di guadagnare autonomamente. Viene inoltre confermata la regola, già adottata da tempo dai giudici, che coloro che convivono con una nuova persona non possono avere più diritto al mantenimento e automaticamente l’assegno decade in presenza di nuove nozze, di unione civile o di convivenza continuativa. Anche se in futuro l’ex coniuge ritornerà ad essere libero, non sarà possibile ricevere nuovamente il mantenimento.

Applicazione delle novità anche sui divorzi in corso

Le novità previste dal nuovo DDL sull’assegno di divorzio, a quanto pare, non riguarderanno solo i divorzi futuri ma anche quelli che risulteranno in corso alla data di entrata in vigore della legge. Considerando che le nuove norme avranno la potenzialità di concedere al Giudice della causa di divorzio un notevole potere discrezionale, ci sarà il rischio, nei prossimi anni, di assistere a sentenze di divorzio contrastanti e forse, di complicare, attraverso visioni ideologiche personali diverse, l'iter burocratico del divorzio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto