Cambio di casacca all'interno del Senato: il senatore Ugo Grassi, parlamentare del Movimento Cinque Stelle, ha abbandonato il Movimento e potrebbe passare alla Lega di Matteo Salvini. Già in passato erano sorti dei dubbi sulla sua fedeltà al M5S, visto il suo cambio di prospettiva sulla multa per i pentastellati che avrebbero lasciato il movimento. Ma ora la sua decisione sembra ferma, e sicuramente è il contenuto della manovra economica a non soddisfarlo.

Grassi abbandona il Movimento

Il senatore Ugo Grassi abbandona il Movimento Cinque Stelle, e compie quello che, secondo le sue parole è un atto di "legittima difesa".

A suo avviso infatti c'è stata una contraddizione tra quello che si sarebbe aspettato e quello che oggettivamente è stato il programma dei Cinque Stelle. Le sue parole, rilasciate all'agenzia Adnkronos, esprimono la chiara volontà di andare via dal M5s. E del resto la notizia era nell'aria già da alcune settimane.

Ugo Grassi, avvocato e docente ordinario di Diritto Civile, ha espresso il suo parere negativo alla legge di Bilancio, che non vuole assolutamente votare, visto che è contrario alla formazione di un'agenzia nazionale per la ricerca, come previsto nel testo della nuova manovra economica.

A suo avviso infatti con questa misura si assoggetta la "ricerca italiana a un controllo politico", e ciò è "aberrante". Non si sarebbe mai aspettato di trovare un simile provvedimento nella legge di bilancio e questa è "la negazione di quello che c’eravamo promessi".

Ricorda che ha accettato la candidatura nel Movimento per contrastare lo strapotere dell'Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca, Anvur. E nel Movimento non ci è affatto riuscito, perché i Cinque Stelle non si sono attivati su questo tema, anzi hanno agito in direzione opposta.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Politica M5S

E oltretutto, come se non bastasse, viene creata un'altra agenzia, che costa ben quattro milioni di euro. "Penso a quante borse di studio potremmo erogare con quei soldi”.

Possibile approdo alla Lega

Possibile, ma ancora non sicuro, sarebbe il suo passaggio tra le file del Carroccio. E Grassi aspetta ora di sentire le voci di chi lo critica. Sul passaggio alla Lega però preferisce non rispondere, e dice che vedrà cosa è giusto fare. Ricordiamo che già a fine settembre il senatore annunciò le dimissioni da capogruppo della Commissione Affari Costituzionali del Senato, inviando una missiva molto critica a Davide Casaleggio.

La sua scelta è amara, ma per lui il comportamento del Movimento è stato "un tradimento che non accetto". Si dice arrabbiato e deluso, ed è preoccupato per lo stato della ricerca, perché se muore in questo modo vengono meno le speranze e i sogni dei giovani. Senza studio saremmo rimasti all’età della pietra”.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto