L'artrite reumatoide è l'infiammazione delle membrane che avvolgono tendini e articolazioni: le zone più colpite sono le mani e i piedi. I primi sintomi della malattia sono il dolore, le tumefazioni e la rigidità articolare, arrivando addirittura, a causa della forte infiammazione, alla deformazione dell'arto colpito. Sono 20 milioni di persone nel mondo e 300 mila in Italia, con un'incidenza di 3 a 1 delle donne rispetto agli uomini, ad avere problemi di artrite reumatoide.

Dopo circa 10 anni dall'insorgere della malattia 3 pazienti su 10 sono costretti a cambiare le proprie abitudini e qualcuno addirittura a smettere di lavorare a causa del dolore.

Una diagnosi precoce e cure adeguate permettono di ridurre il danno alle articolazioni. Quando vi può essere il rischio dell'artrite, ovvero quando ad esempio per più giorni si ha rigidità e tumefazione soprattutto a livello delle mani, il medico prescrive gli esami del sangue e radiologici. Una volta accertato il problema i trattamenti a disposizione sono di varia natura.

Cure

Antidolorifici e Cortisonici: l'utilizzo degli antidolorifici Fans, serve per attenuare il dolore, ma non possono essere utilizzati per lungo tempo perché causano problemi allo stomaco, così anche i cortisonici.

Antireumatici: sono utilizzati per le terapie di lunga durata, quello più usato e ben sopportato dall'organismo è il metotrexato.

Chirurgia: Si utilizza per riparare i tendini o per correggere la deformazione delle articolazioni.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Terapie Fisiche: terapie e riabilitazione aiutano le funzionalità articolari.

Alimentazione: è appurato che una sana alimentazione e un giusto peso diano benefici a chi ha problemi di artrite reumatoide. Sono da evitare alimenti come carni rosse, salumi e uova, mentre sono da preferire sostanze antiossidanti e omega 3.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto