L'allergia al nichel deve essere combattuta anche a tavola, alcuni cibi sono da evitare (o comunque non se ne deve abusare), se non si vuole aumentare il problema. Ma cosa è il nichel e cosa comporta? Il nichel è un elemento chimico contenuto in moltissime cose che noi utilizziamo, dai saponi al cibo ai prodotti di bellezza; è la principale causa di dermatite da contatto: sulla pelle si formano delle bolle e comincia ad arrossarsi, quando le bollicine iniziano a scoppiare si formano le croste.

Se si sta a contatto per lungo tempo con il nichel la pelle si squama sulla zona colpita provocando forti dolori.

Per evitare una reazione allergica al nichel, non bisogna venire a contatto con prodotti che lo contengono come gioielli, cerniere o bottoni e cosmetci ma anche evitare determinati cibi.

I cibi da evitare

Non è possibile dire con esattezza quale sia la percentuale di nichel negli alimenti, perché i fattori sono diversi: il tipo di terreno e i pesticidi sono solo due delle cause.

Non tutte le persone allergiche al nichel lo sono anche degli alimenti che lo contengono.

Cibi conservati: sono da evitare i cibi in scatola proprio perché i materiali con cui sono state fatte le scatolette possono comprendere questo elemento, così come sono da evitare le bibite in lattina.

Cereali e derivati: mais, miglio, grano saraceno e avena contengono elevate quantità di nichel; come la materia prima, sono da evitare anche i derivati di questi alimenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Corretta Alimentazione

Frutti di mare: sono da eliminare dalla propria dieta pesci come il salmone, lo sgombro, le aringhe e anche cozze e ostriche.

Frutta secca: nella frutta secca il nichel è presente in quantità maggiori che in quella fresca, probabilmente a causa dei processi essiccativi. Oltre a classica frutta secca come noci, nocciole, anacardi anche uvetta, prugne e albicocche secche sono da evitare.

Legumi: i legumi da evitare sono lenticchie, ceci e fagioli rossi.

Ortaggi: negli ortaggi il nichel è presente come solfato, quelli che ne contengono di più sono il pomodoro e gli spinaci, ma sono da evitare anche broccoli, cavoli, cavolfiori, carote, sedano, fagiolini e radicchio.

Cioccolato: il cacao in polvere e anche il cioccolato al latte e fondente (anche se in quantità minore) contengono nichel.

Bevande: té, cioccolata, caffè e birra sono da escludere dalla dieta se si è allergici al nichel.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto