La crisi economica, a quanto pare, non solo ci toglie il sonno con quotidiane preoccupazioni e il timore del futuro, ma aumenta il rischio di essere colpiti da un attacco cardiaco: fattori determinanti sarebbero, oltre al basso reddito, anche un recente divorzio. Questi risultati emergono da uno studio presentato durante un congresso, in questi giorni a Roma, della 'Società Europea di Cardiologia'. La ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori di Stoccolma (Karolinska Institutet) è stata effettuata su circa 30mila cittadini: un basso reddito - secondo i dati raccolti - aumenta il rischio di essere colpiti da un infarto del 14%, dopo un divorzio, e addirittura del 36% quello di un secondo attacco cardiaco.

Allarme infarto a causa della crisi nel mondo

I ricercatori, dopo aver esaminato i risultati dello studio, lanciano l’allarme sull'aumento delle malattie cardiovascolari, che va di pari passo con la crisi economica nel mondo. L’Italia, purtroppo, non fa eccezione: lo confermano i dati dell’'Oms' (Organizzazione mondiale della sanità). Un secondo studio -pubblicato sull’‘European Heart Journal', condotto dall'università di Oxford e basato sui dati più recenti dell’Oms in 52 Paesi - le malattie cardiovascolari sono state superate come numero dai tumori, causa principale di morti sia in Italia che in altri Paesi europei.

Ma ictus e infarti continuano a suscitare timore.

I ricercatori svedesi, attraverso i dati raccolti, hanno individuato un forte legame tra disturbi cardiovascolari e status socioeconomico in pazienti che, dopo aver subìto un primo attacco cardiaco, erano stati colpiti da patologie coronariche croniche. Donne e uomini in una fascia d'età compresa tra i 40 e i 76 anni, sono stati messi sotto controllo per un periodo di 4 anni e poi sottoposti a una nuova visita entro i 15 mesi dopo il primo attacco cardiaco, incrociando i dati raccolti con quelli relativi al livello di educazione, lo status familiare e al reddito percepito nell’anno precedente all’infarto: l’8% dei pazienti, cioè 2.405 persone, in questo lasso di tempo ha avuto un secondo attacco cardiaco; tra il livello economico e quest’ultimo è stata evidenziata in modo netto una evidente associazione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Anche in Italia infarti in aumento

Il medico autore dello studio, Joel Ohm, ricorda come oggi i trattamenti disponibili aumentano la possibilità di sopravvivere a un attacco di cuore, rispetto al passato: in Svezia, per esempio, è stato colpito da ictus o infarto un quinto della popolazione adulta. Lo stato socioeconomico - secondo i ricercatori - dovrebbe essere incluso nella valutazione dei possibili rischi nella prevenzione, dopo il primo attacco cardiaco.

Veniamo all'Italia:i dati Istat del nostro paese confermano che vivono in condizioni di assoluta povertà circa un milione e 470mila famiglie (cioè il 6,8% dell’intera popolazione). Ecco perché Michele Gulizia (direttore Cardiologia ospedale Garibaldi Catania), durante la presentazione della ricerca al congresso romano, ha sottolineato la sua preoccupazione relativa alla Salute degli italiani, messa a rischio dalla crisi economica e dai relativi tagli alla sanità pubblica: in poche parole, tutti i progressi fatti negli ultimi decenni stanno andando in fumo.

Emergenza sanità pubblica

Michele Gulizia spiega: 'In ospedale si muore di meno, è vero, ma è altrettanto vero che i pazienti ricoverati di nuovo dopo le dimissioni aumentano, in parte perché non possono sostenere il costo delle medicine necessarie, spesso non coperte dal servizio sanitario, in parte a causa della mancanza di posti letto negli ospedali. La gravissima crisi economica - aggiunge Gulizia - ha prodotto una lunga schiera di famiglie in serie difficoltà, anziani con pensioni da fame e disoccupati che non possono provvedere in modo adeguato alle cure delle proprie malattie: in poche parole, si tratta ormai di una vera e propria emergenza sanitaria'.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto