L'uso di metanfetamina aumenta in maniera significativa la probabilità di essere colpiti da un Ictus cerebrale, anche se si è giovani. E' quanto emerge chiaramente da un'ampia e approfondita analisi degli studi pubblicati finora sull'argomento e pubblicata su Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry da Julia Lappin, Shane Darke e Michael Farrell, tre ricercatori della University of New South Wales di Sydney, in Australia.

Gli effetti della metanfetamina sul cervello

(2S)-N-metil-1-fenil-propan-2-ammina: questo è il vero nome della metanfetamina, secondo la rigorosa terminologia della chimica.

In gergo, invece, la metanfetamina è una droga ricreativa conosciuta come vetro, ghiaccio, crystal meth o speed, che è il soprannome più diffuso, e viene sintetizzata in laboratori clandestini con ingredienti economici e relativamente facili da reperire e da combinare.

Gli effetti della metanfetamina sul cervello sono molteplici dato che essa stimola l'attività di tutti i neurotrasmettitori di tipo monoamminico quali noradrenalina, adrenalina, dopamina e serotonina.

Il risultato finale è uno stato di eccitazione dovuto all'attivazione di diversi circuiti nervosi. Accanto a questo effetto, però, la metanfetamina può indurre depressione, comportamenti ossessivi, deficit della memoria e dell'apprendimento, allucinazioni, movimenti incontrollati, aggressività e paranoia. Inoltre, a differenza di quanto accade per la cocaina i cui effetti sono molto più brevi, gli effetti della metanfetamina si possono protrarre fino a 12 ore.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Infine, la metanfetamina innesca ben presto fenomeni di dipendenza che inducono i consumatori a farne un uso sempre più massiccio per ottenere gli stessi risultati.

Metanfetamina e ictus cerebrale

Esaminando accuratamente quasi 80 tra i più rievanti studi pubblicati sull'argomento, i ricercatori australiani hanno scoperto che oltre agli effetti comportamentali e alla dipendenza, la metanfetamina provoca ictus cerebrale soprattutto di tipo emorragico, anche in persone sotto i 45 anni e per la maggior parte di sesso maschile.

"Se si considera che il rischio nella popolazione maschile generale sotto i 45 anni è di molto inferiore a quello riscontrato nei consumatori di metanfetamina" commentano i ricercatori australiani "e che l'uso di formulazioni sempre più potenti di questa droga si sta diffondendo a macchia d'olio nella popolazione giovanile, è lecito supporre che l'abuso di metanfetamina contribuisca in modo significativo all'aumento di casi di ictus tra i giovani osservato negli ultimi anni".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto