L’incidenza della steatosi epatica sulla popolazione si aggira intorno al 25%, in coincidenza con l’aumento dell’obesità nel mondo, e può influenzare la comparsa della cirrosi epatica o del carcinoma epatico.

Le terapie per il trattamento della steatosi epatica sono ancora insufficienti. L’utilizzo dei probiotici (microrganismi vivi) si sta rivelando una via promettente: un’analisi di diversi studi condotti in soggetti con fegato grasso ha messo in evidenza, infatti, l’efficacia di alcuni ceppi di probiotici; da soli o in combinazione a prebiotici (fibre).

Pubblicità
Pubblicità

L’assunzione dei probiotici ha indotto una riduzione significativa dell’indice di massa corporeo (BMI), dei parametri epatici (AST e ALT), della circonferenza addominale, dell’indice HOMA (marker di insulino resistenza) e del grado del fegato grasso, misurato mediante ultrasonografia (test gold standard).

Il lavoro è stato pubblicato, alla fine del 2017, sulla rivista Euroasian Journal Hepatogastroenterology dai ricercatori del Department of Gastroenterology and Hepatology, JSS Hospital di Karnataka, India.

Pubblicità

Steatosi epatica non alcolica e terapie

Il primo approccio per contrastare la steatosi epatica non alcolica è il cambiamento di stile di vita (esercizio fisico costante e alimentazione bilanciata), mirato a ridurre il peso corporeo.

Non sempre, tuttavia, i soggetti aderiscono facilmente a nuovi comportamenti, potenzialmente in contrasto con le loro abitudini quotidiane.

Sono state esplorate, quindi, nuove strategie per migliorare profilo glicemico, colesterolo e trigliceridi: metformina in combinazione con pioglitazone, vitamina E, statine, acido ursodeossicolico, probucolo, N-acetilcisteina, dosi basse di carnitina e pentossifillina.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute Scienza

Studi clinici

Alcuni ceppi di probiotici, da soli o uniti a prebiotici (fibre) hanno prodotto benefici sia negli adulti che nei bambini con fegato grasso: Lactobacillus rhamnosus GG; Lactobacillus bulgaricus in combinazione con Streptococcus thermophilus; Bifidobacterium longum insieme ai prebiotici Fos; Lepicol sia negli adulti che nei bambini; VSL#3 nei bambini obesi.

Il successo dei probiotici si deve al fatto che disbiosi intestinale, sovracrescita dei batteri dell’intestino tenue (SIBO) e aumento della permeabilità intestinale incidono sullo sviluppo della steatosi epatica non alcolica.

In questo contesto, i probiotici sono stati in grado di restaurare la normalità della flora intestinale e di diminuire l’infiammazione epatica; stanno diventando, dunque, un trattamento promettente per la facile disponibilità, il basso costo e l’assenza di effetti collaterali.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto