Anche in Francia i ciclisti professionisti e i cicloamatori sono potuti tornare a pedalare in strada dopo delle lunghe settimane di confinamento in casa. L’11 maggio, con una settimana di ritardo rispetto all'Italia, i ciclisti francesi hanno ottenuto il via libera e tra i tanti che hanno subito approfittato della fine del divieto c’è stato anche il campione nazionale Warren Barguil. Il corridore della Arkea Samsic si è subito impegnato in una prima serie di allenamenti piuttosto impegnativi per ritrovare una buona condizione dopo il lungo stop e cominciare la lunga marcia di avvicinamento al Tour de France, dove potrebbe vestire ancora la maglia di campione nazionale conquistata ormai quasi un anno fa.

Warren Barguil: ‘Picco di forma a fine agosto’

Finalmente anche i ciclisti francesi sono tornati a pedalare liberamente in strada in questa settimana. La ripresa degli allenamenti all’aperto e la pubblicazione del nuovo calendario World Tour, con cui l’Uci proverà a rimettere in moto la stagione nel mese di agosto, ha ridato un po’ di fiducia e motivazione ai corridori, che ora possono cominciare a riprogrammare il futuro. Il Campione di Francia Warren Barguil non ha avuto dubbi nel trovare il suo obiettivo stagionale, il Tour la cui partenza è prevista per sabato 29 agosto. “C’è chiaramente un obiettivo, quello di tornare ad un buon livello fisico, arrivare al picco di forma per fine agosto e cercare di mantenerlo più a lungo possibile in questa stagione così condensata” ha raccontato il ciclista della Arkea Samsic.

Barguil ha spiegato quale programma di allenamento sta seguendo in questa prima fase dopo il lungo confinamento in casa. “Per la ripresa degli allenamenti ho previsto una settimana con 26 ore in bicicletta. Sarà una buona settimana con della resistenza, dopodiché ripartirò con un ciclo più normale, con meno ore e più qualità” ha spiegato il Campione di Francia.

‘Non dobbiamo lamentarci’

Barguil ha confidato di aver atteso con impazienza il via libera per la ripresa degli allenamenti in strada, ma non si è lamentato per questi due mesi così particolari e difficili. “Non possiamo lamentarci, pedaliamo, mangiamo, dormiamo. Dobbiamo rispettare le regole che sono state date” ha dichiarato il ciclista della Arkea, trovando motivo di grande fiducia nella pubblicazione del nuovo programma di corse.

“È bello avere delle date, non possiamo esserne certi, ma va bene lo stesso, ci dà qualcosa di positivo e ci permette di proiettarci nel futuro” ha aggiunto Warren Barguil.

Ancora in maglia tricolore al Tour de France?

Questo stravolgimento della stagione del ciclismo potrebbe consentire al Campione di Francia di vestire ancora la maglia con i colori della bandiera nazionale al prossimo Tour de France. Barguil conquistò il titolo nel mese di giugno dello scorso anno ed avrebbe dovuto rimetterlo in palio dopo un anno. Tutti i Campionati nazionali sono stati però cancellati dalla loro scadenza tradizionale di giugno e riprogrammati in agosto.

Anche questa nuova data resta però in forte dubbio e le ultime notizie portano verso un nuovo spostamento ad ottobre.

Barguil potrebbe quindi correre due volte il Tour con la maglia di Campione di Francia pur avendo conquistato il titolo una sola volta, un fatto decisamente curioso. “Sarei molto felice di poter correre un secondo Tour con questa maglia anche se avrei preferito una stagione normale. Ma questa maglia deve essere indossata, anche se non c’è il Campionato di Francia, è come quella di Campione del Mondo e tutte le altre maglie distintive” ha chiosato Warren Barguil.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!