Niente da fare, la Mini #imu prima casa si pagherà senza sconti. La scadenza per il pagamento rimane quella del 24 gennaio 2014, fa parte del grande pasticcio (uno dei tanti) del Governo Letta. Aumenta anche la Tasi 2014 sulla prima e seconda casa, ma questo dipenderà anche dalla modifica delle aliquote da parte dei Comuni che hanno avuto il via libera dal Governo di poter aumentare le aliquote fino a uno 0,8 per mille, che spiegheremo in seguito.

La cosa incredibile è che si sta davvero facendo un caos sulle tasse per la casa, tanto che ad oggi non si è ancora deciso se la per la Tasi la scadenza rimarrà quella del 16 gennaio, cosa abbastanza improbabile al momento.

In effetti la mancata chiarezza impedirà quasi certamente un calcolo preciso per tale data. Vediamo le news sulla situazione attuale.

Mini Imu, scadenza 24 gennaio 2014

Si rimane ancora con il calcolo già annunciato, per tutti i Comuni che applicheranno un'aliquota superiore al 4 per mille, i proprietari saranno tenuti a pagare il 40% della differenza in eccedenza, ricordiamo che si può arrivare anche al 6 per mille. A rispettare un comma della Legge di Stabilità, dovranno essere i Comuni a spedire i modelli precompilati, ma sarà davvero così?

Meglio non azzardarsi nel fare calcoli da soli, si consiglia di rivolgersi alla Caf o al proprio commercialista. Se proprio volete provarci, sappiate che per una questione di buon senso non sono previste sanzioni. In caso di somme ancora da versare, esse veranno implementate in altre imposte comunali.

I migliori video del giorno

Tasi, scadenza 16 gennaio 2014?

Il pagamento potrebbe slittare addirittura al 16 giugno, ma è prematuro per dirlo, speriamo di saperne di più nelle prossime ore. L'unica cosa certa è che il Governo ha concesso la possibilità ai Comuni di aumentare l'aliquota da un minimo dello 0,1 ad un massimo dello 0,8 per mille. Ma pare che quest'ultimi debbano decidere come spalmarlo fra prima e seconda casa e con l'bbligo in caso di aumento di apportare detrazioni a seconda della situazione patrimoniale e reddittuale dei contribuenti.

Concludendo, la Tasi 2014 sulla prima casa potrà passare dal 2,5 al 3,3 per mille. La Tasi 2014 sulla seconda casa dal 10,6 all'11,4 per mille. La brutta notizia è che in ogni caso le tasse sulla casa aumenteranno rispetto al 2012 e ancora di più rispetto al 2013.