In questo inizio di 2014 non c'è solo l'imu come tassa da pagare, ma anche la Tasi 2014, tassa sui servizi indivisibili. Vediamo allora di fare chiarezza a pochi giorni dalla scadenza della prima rata, che per ora resta prevista per il 16 gennaio 2014 e come fare il calcolo Tasi.

Calcolo Tasi 2014: quando e quanto si paga

Che cos'è la Tasi 2014? E' la tassa sui servizi indivisibili, per fare un'esempio lo sono la manutenzione delle strade o l'illuminazione di una città e va quindi pagata sia per la prima casa, che per la seconda casa. Non sono esenti nemmeno uffici, capannoni o aziende e la scadenza della prima rata è prevista per il 16 gennaio 2014.

Il Calcolo per la Tasi 2014 non è affatto semplice, e la cosa sorprendente è che a 3 giorni dalla scadenza c'è ancora grande confusione in merito alle aliquote.

Per il calcolo va presa la base imponibile della rendita catastale della casa di proprietà e secondo le ultime indiscrezioni il calcolo andrà fatto su un aliquota del 3,5 per mille che salirà all 11,6 per mille sulle seconde case (in aumento quindi sulle vecchie aliquote del 2,5 e 10,6 per mille). Bisogna poi tenere conto di un secondo fattore fondamentale, le detrazioni per fasce sociali meno agiate.

Tassa Tasi 2014: lotta tra Governo e Comuni

La Tasi può esser pagata in un'unica soluzione o in due rate, ma c'è ancora battaglia tra comuni e Governo, e per porre rimedio al minor gettito che la tassa garantirà rispetto all'Imu, il Governo ha decretato che "sarà concessa per il 2014, esclusivamente allo scopo di deliberare a favore delle famiglie e dei ceti più deboli ulteriori detrazioni rispetto a quelle già previste dalla legge di stabilità, la possibilità di decidere un incremento delle aliquote".

I migliori video del giorno

Questo aumento può essere compreso tra lo 0,1 e lo 0,8 per mille e andrà suddiviso dai comuni a scelta tra le diverse basi imponibili.

Nei prossimi giorni probabilmente ne sapremo di più, ma quel che è certo fino ad ora è che tra Tasi 2014, Imu, mini Imu, eccetera c'è ancora grande confusione, e qualcuno inizia a rimpiangere l'abolizione dell'Imu introdotta da Berlusconi, che sta portando più disguidi che pregi... Voi cosa ne pensate?