Per la dichiarazione dei redditi 2014, coloro che hanno percepito un reddito nel 2013 ma non hanno un sostituto d’imposta nel 2014 possono comunque presentare il modello 730 chiamato ‘situazioni particolari’.

A partire da quest’anno, infatti, tutti coloro che hanno perso il lavoro e che hanno reddito da dipendente o pensione o assimilati possono presentare il modello 730 anche se non hanno un sostituto d’imposta che effettui il conguaglio.

Se si è a debito

Se dalla dichiarazione dei redditi dovesse emergere un debito che il contribuente deve sanare, il Caf o il professionista che presta assistenza fiscale può trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate la delega di versamento, oppure dieci giorni prima della scadenza del pagamento consegnare la delega di pagamento al contribuente, che terrà conto di pagarla presso qualsiasi banca convenzionata o presso un ufficio postale o ancora telematicamente attraverso i servizi online delle Agenzie delle Entrate.

Se si è a credito

Se, invece dalla dichiarazione dei redditi emerge un credito, il rimborso al contribuente viene eseguito direttamente dall’Amministrazione. Il contribuente può fornire all’Agenzia delle Entrate le coordinate del proprio conto corrente e in quel caso il rimborso sarà accreditato direttamente sul conto corrente Altrimenti il rimborso viene erogato in diversi modi: se la cifra da ricevere è inferiore ai 1000 euro il contribuente potrà ritirarla presso qualsiasi ufficio postale con un invito che riceverà tramite posta e potrà riscuotere il rimborso in contanti. Se, al contrario, la cifra supera i 1000 euro, il rimborso viene eseguito attraverso un vaglia emesso dalla Banca d’Italia.

Come compilare il 730 senza sostituto d’imposta

Durante la compilazione del modello 730, quando manca il sostituto d’imposta, nel box ‘dati del sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio’ si dovrà barrare la casella ‘Mod.

I migliori video del giorno

730 dipendenti senza sostituto’.