La scadenza della presentazione del modello 730, prevista per il 31 maggio 2014, probabilmente si avvia verso una proroga richiesta dai centri di assistenza fiscale CAF poichè quasi in coincidenza della scadenza della prima rata della Tasi, prevista per il 16 giugno 2014.

La richiesta di tale proroga è già stata fatta pervenire sia all'Agenzia delle Entrate che al Ministero delle Econonia e delle Finanze dai Caf di tutta Italia poichè, con la vicinanza della scadenza della Tasi, si rischia un ingorgo, ma questa stessa scadenza, fissata per metà giugno, potrebbe essere prorogata: si parla di luglio o addirittura di settembre.

Proroga 730

Per quanto riguarda la proroga del modello 730 si chiede un rinvio per la metà di luglio mentre per il modello Unico si chiede di una proroga fino al 20 agosto. Queste proroghe, volute, ci teniamo a sottolinearlo, soprattutto dai Caf, permetterebbero ai centri di assistenza di lasciare da parte le denunce dei redditi a fine maggio per passare ad occuparsi del calcolo della Tasi che andrà in pagamento entro il 16 giugno.

Ma se anche per la Tasi si prevede uno slittamento a cosa serve far slittare anche la presentazione della denuncia dei redditi? E soprattutto questo slittamento cosa comporterebbe per i lavoratori che dovrebbero ottenere un rimborso dell'Irpef già versato e che di solito lo ottengono nella busta paga di luglio? Far slittare a metà luglio la presentazione del 730 potrebbe presentare forse più problemi di quelli che sono i benefici che i Caf pensano di trarne.

I migliori video del giorno