Lunedì 16 giugno 2014 è considerato come il lunedì nero del fisco a causa delle molteplici scadenze fiscali cui dovranno far fronte gli italiani. Dalla Tasi alla Tari, passando per IMU e IVA ecco le tasse e i contributi che si dovranno pagare entro la data del prossimo 16 giugno 2014.

Tasi

In particolare, si comincia con il versamento della prima rata Tasi, tributo sui servizi indivisibili. Tuttavia, l'imposta deve essere versata solo nei Comuni italiani che hanno deliberato le aliquote da applicare entro venerdì 23 maggio 2014. Viceversa, in virtù della proroga concessa dal Governo in accordo con l'Anci, tutti i Comuni che non hanno determinato le aliquote hanno come termine ultimo di pagamento della prima rata Tasi il 16 ottobre 2014.

Per info su Tasi e modalità di compilazione del bollettino di pagamento, clicca qui.

Tari

Lunedì 16 giugno 2014 sono chiamate alla cassa anche tutte le persone che devono versare la Tari, la nuova tassa sui rifiuti, istituita con la legge di stabilità 2014. Anche in questo caso il Comune indica le scadenze di pagamento dell'imposta prevedendo almeno due rate a scadenza semestrale e in modo differenziato rispetto alla Tasi. Tuttavia, entro il 16 giugno di ogni anno si può effettuare il pagamento in un'unica soluzione. Per pagare la Tari arriva a casa il bollettino con indicato l'importo da pagare.

Imu 2014

Oltre a Tasi e Tari, il 16 giugno prossimo bisognerà versare anche l'acconto per le abitazioni principali, solo se di lusso - vale a dire se rientrano nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9, se si tratta seconde case e, infine, se si tratta di esercizi commerciali.

I migliori video del giorno

Modello 730/2014 e altre scadenze

Dopo la proroga stabilita con un apposito DPCM dal 31 maggio 2014, lunedì 16 giugno 2014 è il termine ultimo per consegnare il modello 730/2014 e 730-1 ai Caf oppure al proprio commercialista.

Il 16 giugno 2014, infine, è il termine ultimo per coloro che presentano il modello Unico, versamento del saldo IVA 2013, con un aumento dello 0,4% mensile rispetto alla scadenza del 16 marzo 2014.