Il pagamento della #Tasi 2014 nel comune di Roma e di Milano, si avvicina sempre di più. L'attesa non riguarda solo le metropoli appena citate, ma interessa quasi quindici milioni di contribuenti, impegnati in calcoli su quanto e come versare la Tasi 2014. Per sapere quale è la somma basterà eseguire un calcolo Tasi molto semplice. Iniziamo dall'aliquota che è variabile da un comune all'altro. Bisognerà poi conoscere quale è il valore della rendita catastale e di che natura è l'immobile. Passiamo a vedere meglio tutte le condizioni riguardanti questa tassa, le aliquote, le detrazioni e poter fare il pagamento e della stessa.

Tasi 2014, Comune di Milano e Roma: come fare il calcolo?

Nel Comune di Roma quanto in quello di Milano, il primo versamento in acconto andrà effettuato entro il 16 di ottobre 2014 nella misura del 50% del totale della Tasi.

L'altra metà andrà versata invece entro e non oltre (pena sanzioni) il 16 dicembre 2014. Riguardo la percentuale dell'aliquota in tutte e due le città la delibera comunale è identica, pari al 2,5 per mille per quello che riguarda i calcoli sulla prima casa. Andiamo ora a fare il calcolo Tasi 2014 in pochi step. Per chi volesse affidarsi al calcolo online, dovrà essere collegato ad un pc o portatile e trovare un calcolatore online: si trovano con facilità su 'google', oppure ci si può collegare direttamente al sito di 'amministrazioni comunali'. Per lo sviluppo manuale riguardo al calcolo Tasi 2014 basterà seguire i 3 semplici passaggi descritti di seguito:

  1. Prendiamo il valore della rendita catastale dell'immobile oggetto del nostro calcolo e rivalutiamola del 5%. Procederemo quindi così: moltiplicare la rendita catastale x 1,05 = rendita catastale rivalutata
  2. Adesso facciamo un'ulteriore moltiplicazione tra il risultato ottenuto nel passaggio sopra (rendita catastale rivalutata) per il coefficiente dell'immobile, che normalmente è pari a 160 nella maggior parte delle case. Procederemo in questo modo: rendita catastale rivalutata x 160 = 'valore rendita'
  3. Infine sul 'valore rendita' (risultante dall'operazione al punto 2.) andrà computata l'aliquota deliberata dal comune, che nel nostro caso sia a Milano che a Roma è identica, pari cioè al 2,5‰. Adesso bisogna calcolare le detrazioni spettanti e vedere quanto andremo a versare per la Tasi 2014.

Calcolo Tasi 2014, Comune di Milano e Roma: detrazioni e pagamento F24

Le detrazioni Tasi 2014 per quanto concerne il comune di Milano, in sede di delibera comunale è stato deciso che, tali detrazioni, possono oscillare da 24 euro fino a 115 euro, variabile in funzione della relativa rendita catastale.

I migliori video del giorno

Oltre questa, è prevista un'ulteriore detrazione nella misura di 20 euro (fino al tetto massimo di 60 euro) per ogni figlio avente un'età uguale o non superiore a ventisei anni. Unica condizione, che risulti nello stato di 'dimorante abituale' e con residenza nell'unità immobiliare stessa, anche come anagrafica. Invece le detrazioni Tasi 2014 nel comune Roma, riguardo l'abitazione principale queste possono oscillare da 30 euro fino a 110 euro. Per quanto riguarda eventuali figli a carico, non sono state deliberate detrazioni. La detrazione varia in funzione del valore della rendita risultante al catasto in vigore dal 1 gennaio. Per gli immobili con rendita entro i 450 euro, c'è una detrazione di 110 euro; 60 euro per gli immobili con rendita da 451 a 650 euro e di 30 euro per quello dai 651 euro e fino ad arrivare i 1500 euro. Il pagamento Tasi 2014 può essere eseguito con bollettino postale o in banca con il modello F24. Si possono fare i versamenti anche con il pc, in 'home banking' della propria banca e modello F24 via web.