Non possono essere pubblicati sul sito del Comune dati personali e sensibili che riguardano i nomi di coloro che non hanno provveduto al pagamento ordinario delle tasse. Nessun obbligo in materia esiste da parte della legislazione statale e non può essere introdotto con un opportuno regolamento da parte del comune. Questo è quanto ha dichiarato il garante della privacy, che con un comunicato stampa è intervenuto in questi giorni in un caso concreto: un ente locale aveva intenzione di mettere on line tutti i nomi dei cittadini morosi. Stando a quanto stabilito dal garante della privacy questa pratica è inattuabile perché andrebbe a violare il principio di legalità sotto vari punti di vista.

In primo luogo, il Comune non può con un proprio regolamento andare ad intervenire su questo tema inserendo una black list on line dei cittadini morosi, poiché questa materia rientra nella legislazione ordinaria statale. Inoltre questa procedura andrebbe a violare anche la normativa sulla trasparenza che vieta la pubblicazione di questi dati sensibili sui siti web istituzionali della pubblica amministrazione.

A nulla sono servite quindi le motivazioni portate avanti dal Comune a proprio sostegno, che aveva intenzione di introdurre questa nuova sanzione per evitare il ritardo nei pagamenti dei tributi ed aumentare il senso civico dei propri cittadini. Nulla di tutto questo, visto che la legge prevede già dei criteri con cui la pubblica amministrazione può andarsi a rivalere sui cittadini morosi, come sanzioni amministrative e interessi di mora.

I migliori video del giorno

In virtù di queste ragioni il garante della privacy ha ritenuto che la diffusione on line dei morosi sarebbe stata solo uno strumento vessatorio che avrebbe potuto andare a creare gravi danni e disagi lesivi della dignità della persona umana. Certamente un chiarimento necessario e molto utile per garantire il decoro e la rispettabilità delle persone che oggi vivono una situazione economica sicuramente difficile in cui diventa sempre più complicato poter far fronte a tutte le imposte e tasse che quotidianamente ci si trova a dover affrontare. #Crisi economica #Costituzione italiana #Enti Locali