Arrivano novità importanti che riguardano il Canone Rai 2016.Viene modificata infatti la bozza che prevedeva un pagamento frazionato del canone e le sorprese sono tante: chi dovrà pagare? Come si presenterà la bolletta? La cifra da pagare infatti sarà addebitata direttamente sulla prima fatturazione dell'anno dell'energia elettrica. Vediamo nel dettaglio la cifra da pagare, i dettagli presenti nella nuova bozza della legge di Stabilità.

Le novità sul canone

Nel 2016 il #Canone Rai verrà addebitato nella prima fattura dell'energia elettrica successiva alla data di scadenza del pagamento. Ma chi dovrà pagare? Coloro che dovranno adempiere saranno solo le famiglie che hanno in casa una televisione o una radio.

Saranno esclusi infatti tutti coloro che possiedono altri tipi di device come smartphone, pc o tablet e non hanno tv e radio. Ovviamente nella vostra bolletta troverete l'importo distinto e separato dal consumo di fornitura elettrica così che possiate comunque fare un distinguo tra ciò che consumate di energia elettrica e il canone. Se un soggetto ha intestate due case allora dovrà pagare una sola volta il canone Rai ma se in una famiglia marito e moglie sono intestatari di due case allora dovranno pagare due canoni diversi. L'importo del canone sarà di 100 euro con un risparmio di 13,50 euro. Coloro che invece non sono in possesso del televisore potrebbero comunque ricevere la bolletta gravata dal canone ma l'intestatario potrà compilare il bollettino postale bianco e compilarlo in modo da versare soltanto il costo del consumo dell'energia elettrica.

I migliori video del giorno

Sulla nuova legge di stabilità si espone anche Padoan in quale ha affermato che le tasse dovranno scendere e che la giustizia dovrà essere più rapida. A quanto pare hanno iniziato proprio con il canone che, come abbiamo visto, subirà una leggerissima diminuzione rispetto agli anni scorsi. In attesa di nuovi dettagli sulla Legge di Stabilità vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' posizionato in alto accanto al nome dell'autore dell'articolo che avete appena ultima di leggere. #Governo