L'introduzione del canone Rai in bolletta, è uno dei temi più dibattuti negli ultimi mesi, non solo dalla politica nostrana, ma anche fra i contribuenti, sempre più disorientati sul nuovo regime dell'odiato balzello. La novità è che il #Canone Rai verrà inserito nelle fatturazioni del nostro gestore elettrico, e che verrà suddivisa in tranche. L'importo totale è stato ridotto a 100 euro, dei quali 70 verranno inseriti nella fatturazione di luglio e 10 euro verranno inseriti nelle tre successive mensilità. Dall'anno 2017, il canone verrà suddiviso in 10 mensilità, da gennaio a ottobre, per un importo di 10 euro mensili, che renderanno sempre più salata la bolletta della luce.

Come presentare disdetta del canone

Coloro che non detengono in casa un apparecchio televisivo, non dovranno pagare nulla, ma avranno l'onere di dovere presentare la disdetta del canone. Per inoltrare la pratica, occorrerà presentare un modulo di autocertificazione, il cui format deve ancora essere predisposto dalle autorità competenti. Tali moduli dovranno essere presentati (anche mediante il sistema on line) all'Agenzia delle Entrate. Sono esclusi dal pagamento del canone Rai, i soggetti che non possiedono televisori o altri dispositivi abilitati alla ricezione del segnale televisivo. Sono esclusi anche gli over 75, che non convivono con altre persone (a parte il coniuge) e il cui reddito (insieme a quello del coniuge) non sia superiore agli 8 mila euro.

Il modulo di autocertificazione per coloro che hanno i requisiti per essere esentati dal pagamento del canone Rai in bolletta, dovrà essere presentato entro il 30 giugno dell'anno successivo.

I migliori video del giorno

Se l'utente ha già pagato in bolletta, presentato il modulo, sarà possibile ottenere il rimborso entro 6 mesi. Quindi, in realtà, si tratta di un vero e proprio rimborso, più che di una esenzione effettiva. Sarà dunque necessario pagare le bollette e poi chiedere uno storno della cifra pagata nelle fatturazioni successive. Nelle prossime settimane, sono attese ulteriori novità in merito, e maggiori delucidazioni relative ai moduli di autocertificazione.