Il modello 730 precompilato 2016 potrà essere scaricato online a partire dal prossimo 15 aprile. Destinato alla Dichiarazione dei redditi di circa 30 milioni di italiani, il modello potrà essere richiesto attraverso l'accesso, alla specifica sezione sul sito dell’agenzia delle entrate, con l’ausilio del pin personale dell’Agenzia o dell’Inps. Sarà importante una accurata verifica dei dati, da parte del contribuente, per eventuali  integrazioni e correzioni, per poterlo inviare, a partire dal 2 maggio, personalmente o delegando un professionista del Caf, entro la data del 7 luglio 2016.

Ristrutturazione casa e Bonus Mobili: cosa si può detrarre

Il "Bonus Mobili" è la possibilità di detrazione del 50% delle varie spese che il cittadino ha sostenuto attraverso l’acquisto di grandi elettrodomestici (di classe energetica superiore alla A+) e di mobili per la casa.

Per poter usufruire delle agevolazioni, il cittadino deve poter dimostrare che i nuovi acquisti serviranno all’interno di un immobile soggetto a ristrutturazione. Il limite di spesa della eventuale ristrutturazione casa è di euro 96.000 per intervento edilizio che rientri nei lavori di recupero e manutenzione “straordinari”. I lavori di manutenzione “ordinaria” rientrano nelle agevolazioni fiscali solo nel caso in cui interessano parti in comune negli edifici condominiali. È importante ricordare che il pagamento dei lavori di ristrutturazione deve essere effettuato tramite uno specifico bonifico bancario, con l’inserimento di tutti i dati richiesti, relativi alla ditta appaltatrice dei lavori.

Modello 730: sostituzione sanitari e caldaia

La sostituzione della vasca da bagno non rientra nelle possibili detrazioni fiscali, poiché fa parte degli interventi di manutenzione ordinaria, anche nel caso in cui, la sua rimozione o sostituzione con altri sanitari più idonei, fosse richiesta per problemi di disabilità.

I migliori video del giorno

Cambiano le regole se invece la sostituzione è inserita in un contesto più ampio di intervento straordinario, come la totale ristrutturazione del bagno comprensiva di impianto idraulico e sostituzione dei sanitari. In questo caso le spese sono detraibili. È confermata la possibilità di detrarre le spese per l’acquisto della nuova caldaia, inserita nel contesto del “Bonus Mobili”, per il suo contributo alla funzionalità del miglioramento energetico.