Nuove norme saranno adottate in via sperimentale dal nuovo anno: infatti, nel 2017 per cercare di combattere l’#Evasione Fiscale in Italia che danneggia le casse dello Stato, sarà integrato il Tassa&Vinci. Una vera e propria #lotteria anti-evasione, con estrazioni a premi cui tutti i clienti, che ricevono lo scontrino fiscale possono partecipare, poiché la ricevuta sarà accompagnata dal probabile biglietto vincente.

Come funzionerà la Lotteria degli scontrini fiscali

Presto detto, come ogni lotteria ci saranno estrazioni periodiche con ricchi premi e il numero che corrisponderà a quello allegato allo scontrino fiscale, farà vincere il cliente che l’ha ricevuto.

In tal modo, chi fruirà di servizi o acquisti di beni, saranno maggiormente incentivati alla richiesta della ricevuta, dal cliente abituale del bar a chi fa shopping nei negozi. Una manovra “della finanza comportamentale” come l’ha chiamata Luigi Casero, politico italiano e Viceministro dell’#economia e delle Finanze. Il Tassa&Vinci, nome con cui probabilmente si chiamerà questa nuova Lotteria degli scontrini fiscali, potrebbe comunque differire rispetto a quelle adottate in altri paesi, poiché il regolamento cambia in base alle varie nazioni.

Incremento delle entrate fiscali col Tassa&Vinci

Altri paesi hanno già adottato questo metodo con successo, basti pensare alla Cina che ha portato un incremento delle entrate fiscali del 20%, oppure Taiwan che ha dato il via alla lotteria anti-evasione sessantotto anni fa, premiando chi è in possesso da tre a otto numeri uguali estratti con il premio più importante da 300 mila euro.

I migliori video del giorno

Il Portogallo con il suo “Factura da Sorte” mette in palio auto importanti come le Audi, la Slovacchia oltre alle vincite in denaro permette ai fortunati vincitori di comparire in tv e anche Malta non è da meno con premi che possono arrivare fino a cento volte, l’importo speso. Che siano premi fisici, in denaro o comparse in televisione, il metodo adottato ha dato i suoi frutti, incrementando le casse dello Stato. Che si chiami Tassa&Vinci oppure no, potrebbe portare a una svolta contro l’evasione fiscale.