Disinformazione, bufale, fake news. In Italia c'è chi ha guadagnato dal creare false notizie per generare il click compulsivo su siti di bufale. Si pensi ad Ermes Maiolica, che ha addirittura fatto resuscitare Umberto Eco in un falso post in cui lo scomparso semiologo invitava a votare per il SI in quanto coloro che avrebbero votato NO, al pari dei grillini, sarebbero soltanto una regione d'imbecilli.

Nonostante le smentite il post ha continuato ad essere condiviso, come se non fosse la veridicità della notizia in sé ad assumere un ruolo di primo piano ma esclusivamente quel titolo scandalistico "acchiappaclick". E pazienza se Eco è morto da tempo, il fatto che una celebrità come Eco si pronunci per il SI diventa più importante di una semplice verifica (anche su wikipedia).

In America le fake news però hanno avuto un risvolto ben più interessante, almeno a sentire specialisti dei social e analisti del web.

La disinformazione in effetti avrebbe favorito la vittoria di Trump. L'accusa viene da diversi analisti del web che hanno scaricato sui social la frustrazione della sconfitta di Hillary. Il dilagare di notizie da parte di siti suprematisti, razzisti, xenofobi, con notizie urlate ma palesemente false, avrebbe addirittura orientato le scelte degli elettori.

Vero? Probabilmente no (ma non c'è accordo nemmeno su questo punto), più che altro i siti di bufale avrebbero solo rafforzato tendenze già esistenti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Google Tecnologia

Eppure se anche non esiste un legame diretto tra proliferazione di notizie false e scelte elettorali, grandi gruppi come Facebook o Google si sono sentiti in dovere d'intervenire. Eh già perché il problema delle notizie false, dopo le elezioni americane, è diventato sempre più ingombrante.

Di certo notizie false che si allargano a macchia d'olio riguardanti un candidato possono nuocere o avvantaggiare il candidato stesso ma nella determinazione di un voto c'è molto più di tutto questo.

In ogni caso il problema delle fake news genera inquietudine tanto da spingere i due colossi del web a mettere in opera misure restrittive per bloccare la proliferazione di notizie false. Ci riusciranno? Staremo a vedere. Le false notizie sono come certa pubblicità ingannevole o lo spam nella mail. Difficile liberarsene.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto