Il mese di marzo si sta avviando verso le sue battute conclusive e nei prossimi giorni ci sarà un evento fondamentale che tutti noi non possiamo dimenticare: il ritorno dell'ora legale. Come ogni anno, infatti, torneremo a spostare le lancette dei nostri orologi per portarle avanti di un'ora: un modo che servirà, in primis, per risparmiare un bel po' di soldini, visto che con l'ora legale potremo godere di un'ora di luce in più al giorno. Quando vanno spostate le lancette dell'orologio? Ecco nel dettaglio tutte le info utili!



Ora legale e Pasqua 2015: ecco le date ufficiali

Il ritorno all'ora legale, avverrà nel corso dell'ultima domenica del mese di marzo: precisamente, quindi, il prossimo 29 marzo alle 2 di notte. Dovremo ricordarci di mettere le lancette avanti di un'ora (quindi dalle 2 alle 3). In un primo momento, abituarsi al ritorno dell'ora legale non sarà facile: ogni notte, infatti, dormiremo circa un'ora in meno rispetto a quanto accaduto in questi ultimi mesi, tuttavia, potremo godere di giornate più "lunghe", visto che il sole tramonterà soltanto dopo le 19 e questo sarà uno stimolo in più per stare in movimento: non è un caso che proprio a partire dal ritorno dell'ora legale si registra un boom di iscrizioni in palestra.



Il cambio orario non è l'unico evento in Italia per le prossime settimane: ad aprile, infatti festeggeremo anche la Santa Pasqua, che quest'anno capiterà la prima domenica del quarto mese del calendario. La data ufficiale di Pasqua 2015, quindi, cadrà domenica 5 aprile, seguita il giorno dopo dalla tradizionale giornata di Pasquetta.

Durante la settimana pasquale, gli istituti scolastici rimarranno chiusi: le vacanze, per la stragrande maggioranza degli studenti delle nostre scuole, prenderanno il via a partire da mercoledì 1 aprile, visto che dal giovedì inizierà la "settimana Santa" che si concluderà il lunedì successivo. Durante i giorni della Pasqua, saranno tantissimi gli italiani che "staccheranno" per un po' la spina, godendosi un breve periodo di relax e riposo, lontani da stress e impegni di lavoro.