Presentata come un prodotto di grande successo, la fiction di Canale 5 Il principe - Un amore impossibile non è riuscita a trovare il grande seguito di pubblico che Mediaset si sarebbe aspettata. Ed infatti i dati relativi agli ascolti della puntata di ieri sera non si possono certo considerare soddisfacenti: l'11,9% di share con 2.290.000 telespettatori non può certo essere considerato un risultato positivo. La serata è invece stata vinta, e alla grande, dal programma condotto da Carlo Conti Tale e Quale Show 4 che su Rai1 ha catapultato davanti alla Televisione ben 5.740.000 telespettatori con l'incredibile share del 27,1%. Un risultato che può veramente rendere felice la Rai.

Nonostante il flop che continua imperterrito, Canale 5 ha comunque deciso di non sospendere la fiction Il principe - Un amore impossibile in onda ogni venerdì sera dopo Striscia la Notizia. Ecco dunque cosa accadrà nella quarta puntata della prossima settimana.

Anticipazioni Il principe - Un amore impossibile: trama della quarta puntata di venerdì 26 settembre

Dopo la scoperta che Abdu è ancora vivo, la sua famiglia lo cerca in tutti i modi per evitare che la polizia finisca per trattarlo come un terrorista. Il fatto non piace per nulla a Fatima che ha un acceso diverbio con i genitori ma lei non sa di essere a sua volta indagata. Morey infatti non può rivelarle come stanno davvero le cose e, seppur creda all'innocenza della ragazza, comincia ad avere dei sospetti sul suo coinvolgimento negli intrighi della famiglia.

I migliori video del giorno

A ciò si aggiunge che Morey viene sospeso dalle indagini relative alla sparizione di Abdu poiché si scopre che Fatima è al corrente della sua identità di agente del CNI. A quel punto i colleghi di Javier cercano in tutti i modi di coinvolgere la maestra nelle loro indagini. Arrivano notizie di Abdu: il ragazzo scrive ai genitori di essere stato coinvolto dalla Jihad ma i dubbi non mancano su chi abbia veramente inviato il documento. Fran scopre che Quilez aveva avuto a che fare con la morte di Alberto.