La fiction più seguita di casa Mediaset, ormai sta andando in onda con le ultime puntate. Quella andata in onda lunedì scorso ha lasciato i telespettatori con il fiato sospeso. Calcaterra è morto? L'ultima puntata si è infatti conclusa con Ettore Ragno che fa partire un colpo dalla sua pistola verso Calcaterra, dopo aver scoperto che l'ispettore in realtà era un infiltrato. Marco Bocci vola giù e sono partiti i titoli di coda. Cosa sarà successo?

Accanto a questo interrogativo che, ormai ha le ore contate, ci sono le domande che aleggiano nei forum, Rosy Abate si è davvero pentita? De Silva morirà almeno in questa serie? Il piccolo Leonardino è vivo? E Veronica si è salvata dallo scoppio della bomba? Se per sapere la verità, tutti gli appassionati dovranno attendere la fine di Squadra Antimafia edizione numero sei, c'è un regalo per i fan siciliani che, tra qualche giorno potranno incontrare dal vivo i loro beniamini, Marco Bocci compreso.

La settima serie, infatti, è già a pieno ritmo e gli attori sono già sul set. A differenza delle altre volte, in cui la produzione ha aspettato la fine della serie precedente, questa volta i registi si sono portati avanti con il lavoro. Come sappiamo la fiction è ambientata in Sicilia, dalla prima serie girata a Palermo, alle ultime le cui riprese hanno riguardato il paesaggio etneo e Catania. In tanti hanno visto scene di set e hanno incontrato gli attori per le vie cittadine, pronti e disponibili a scattare foto. Tutti tranne Marco Bocci. Non è facile incontrare l'ispettore Calcaterra, soprattutto dopo il matrimonio con la Chiatti.

A tu per tu con il cast di Squadra Antimafia

Per tutti quelli che la prossima settimana vogliono farsi un regalo, ecco una ghiotta opportunità per tutti fan.

I migliori video del giorno

L'appuntamento è per mercoledì 5 novembre presso il Teatro Sangiorgi di Catania, città in cui la registrazione della nuova serie è in corso. L'evento si chiama "A tu per tu con il cast di Squadra Antimafia", e oltre a Pietro Valsecchi ci saranno gli attori, Marco Bocci e i suoi colleghi, pronti a mostrarsi davanti a chi li ha sempre sostenuti.