Si è concluso ieri lo Zecchino d'oro 2014 e la canzone vincitrice è stata "Chi ha paura del buio" di Fontana, De Luca e Gardini, interpretata da una bambina della provincia di Napoli, Alessia Chianese, e da un bambino di Modena, Edoardo Bianchi. Lo Zecchino d'oro 2014 è stata la 57esima edizione di un programma che ha segnato l'infanzia di tante generazioni e i cui brani vincitori spesso sono diventate delle vere e proprie hit generazionali e sono entrate nell'immaginario collettivo. La location è stata ovviamente l'Antoniano di Bologna e la diretta tv su Rai è stata condotta da Veronica Maya e Paolo Conticini. La novità di quest'anno è stata il premio web e ad aggiudicarselo è stata Ines Rizzo di 8 anni con il brano "Chicopez".

Zecchino d'oro 2014: la canzone vincitrice, "Chi ha paura del buio?"

La canzone vincitrice dello Zecchino d'oro 2014 si intitola "Chi ha paura del buio" ed è una bella filastrocca che riprende il tema del buio e lo fa con garbo e simpatia. Il testo, infatti, racconta con graziose e semplici rime baciate quello che è la paura più tipica dei bambini, quella oscurità che, di notte, li inghiotte e dalla quale temono di non poter uscire più. Tra vampiri, streghe e alieni che provengono da Marte, tutti assoldati per mettere paura ai bambini, ecco che i suggerimenti per metterli in fuga sono semplici pizzicotti. Insomma, una canzone in pieno stile Zecchino d'oro e che ricorda un po' come eravamo e come forse abbiamo smesso di essere.

Zecchino d'oro 2014: una storia durata 57 anni, ecco le hit di sempre

Lo Zecchino d'oro racconta la storia dell'Italia dagli anni del boom economico ai giorni nostri.

I migliori video del giorno

È il Festival Internazionale della Canzone del Bambino ed è considerato sempre di più un evento di costume ed è entrato di diritto nel patrimonio culturale del nostro paese. Ma quali sono state le hit di sempre? Quali sono state le canzoni più belle dello Zecchino d'oro? Possiamo cominciare con una simpatica canzone del 1993 dal titolo "Il coccodrillo come fa" e la canzone "Il gatto puzzolone" del 2004 che annovera tra i suoi autori Cristiano Minellono che ha scritto brani per Al Bano e Romina, per Adriano Celentano e per I Ricchi e Poveri. C'è poi il "Katilacammello" del 1997, non un grande successo al momento dell'uscita, ma ora gettonatissima sul web e poi i classici come "Il caffè della Peppina", "Volevo un gatto nero" e "44 gatti".

Insomma, lo Zecchino d'Oro sopravvive alle trasformazioni sociali e culturali del nostro paese e anche l'edizione 2014 sembra raccontare una piccola porzione della nostra realtà, un racconto affidato alle voci dei più piccoli.