Edizione strana, quest'ultima di X Factor, perché, per la prima volta nella sua storia, non 'morganocentrica': Morgan, il giudice forse più rappresentativo del programma resta, infatti, senza concorrenti a un paio di puntate dalla fine, proprio a un passo dalla semifinale che si terrà giovedì. E per lui è il tempo di fare bilanci, non solo televisivi. Anche perché, a giudicare da quanto scrive nella sua biografia in uscita venerdì per Einaudi (dal titolo "Il libro di Morgan" e dal sottotitolo, in pieno stile Castoldi, "Io, l'amore, la musica, gli stronzi e Dio"), del suo lavoro in televisione non ha un'opinione lusinghiera: "ogni anno dico sempre che sarà l'ultimo e invece, puntualmente, ci sono dei nuovi motivi, sempre diversi, per cui sono costretto a farlo.

Ormai sono nel meccanismo, che non è solo economico, è tutto un sistema di interessi convergenti che orbitano intorno alla mia persona, e io non sono abbastanza forte da svincolarmene. E sono completamente schiavo".

Attrazione e repulsione, dunque, tanto da confessare che, dopo ogni puntata, si chiude in casa per tre giorni, tempo necessario a rielaborare un senso di vergogna. "La tv ha reso un pagliaccio anche me", osserva, aggiungendo che anche a X Factor, programma che definisce 'glam', "sono tutti burattini, tutti marionette.

Tutti vuoti, macchine da soldi". Ma se è vero che il pubblico ha imparato a conoscere e ad amare Morgan anche grazie ai suoi chiaroscuri, alle intermittenze caratteriali, i cortocircuiti affettivi, l'alternanza di sfuriate e lucide analisi, esuberanze e riflessioni, slanci visionari e considerazioni severe, forse non tutti sanno che già da bambino, quando era ancora solo Marco Castoldi, sentiva il desiderio di esibirsi e di attirare l'attenzione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Gossip X Factor

Bisogno di amore e riconoscimenti, come il Morgan di oggi, quello diventato adulto. Uomo segnato dalla ferita più bruciante, dal colpo più duro e insopportabile, il suicidio del padre Mario, avvenuto quando era adolescente.

Nel libro ricorda l'episodio ("a 46 anni si è tolto la vita. Anche perché la sua vanità non era appagata. Incapace di sopravvivere dovendo mantenere sé, i suoi familiari in ristrettezza economica") e, disarmato e sincero come lui solo, non nasconde la nostalgia per la stagione più bella della sua vita, quella condivisa con Asia Argento e la loro bambina Anna Lou.

"Abbiamo vissuto a Milano: io, la mia donna e la mia bambina, l'unica famiglia che io sia mai stato in grado di avere in vita mia. Una famiglia semplice, come dovrebbero essere tutte le famiglie".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto