Carlo Conti e Antonella Clerici scendono negli ascolti. Entrambi hanno dovuto fare i conti con Il Segreto e a vincere la sfida è stata la soap spagnola. Ma quello che è accaduto giovedì sera, ha lasciato il direttore generale della Rai, Giubitosi, "senza parole".

Su Rai 1 è andata in onda Antonella Clerici spostata al giovedì, ma solo per questa settimana, per permettere alla rete di trasmettere l'evento Viva il 25 aprile. Rai 2 ha trasmesso Virus di Nicola Porro, mentre Rai 3 ha intrattenuto il pubblico con il programma #io leggo perché. Il Segreto, nella puntata andata in onda giovedì 23 aprile 2015, ha raccolto 4.857.000 telespettatori, i tre programmi Rai hanno ottenuto 4.607.000 telespettatori.

C'è già chi ha soprannominato Il Segreto, il serial killer di Mediaset.

Il Segreto contro tutti

Il 14 aprile 2015, Carlo Conti esordisce con il programma, Si può fare, e viene battuto da Il Segreto. La soap spagnola ottiene il 19,64% di share, contro il 16,12% di Carlo Conti. Un risultato molto basso per il conduttore toscano, abituato ad ascolti molto più alti e poi dopo il successo di Sanremo, in fatto di ascolti i dirigenti Rai si aspettavano un risultato migliore.

Ad Antonella Clerici non è andata meglio, il frontale con Amici 14 è stato violento, la prima puntata di Senza parole è stato travolto dagli allievi di Maria de Filippi, Il Segreto in quel periodo è stato spostato al preserale e non ha fatto rimpiangere gli ascolti di Avanti un altro, infatti è riuscito a sorpassare L'Eredità.

I migliori video del giorno

Insomma, Mediaset ultimamente quando vuole provocare un'emorragia di ascolti ai danni della Rai, piazza Il Segreto in tutti gli orari, mettendolo in onda anche in prima serata, due volte a settimana. E pensare che a Mediaset una puntata gli costa appena 5 mila euro.

Chi non risale per ora è Antonella Clerici, partita con il 15,6% di share della prima puntata, è scesa al 14,5% di share nella seconda, per arrestarsi al 13,3% nella puntata di giovedì. E pensare che il suo obiettivo iniziale era di raggiungere almeno il 18/19% di share.