A un mese circa dall’inizio della quattordicesima edizione del Grande Fratello, è scoppiata una dura e accesa polemica soprattutto dopo l’ultima puntata del reality show di Mediaset, condotto da Alessia Marcuzzi, a causa delle eccessive scene che ritraggono i concorrenti sempre impegnati in siparietti hot troppo espliciti, pronti (forse), a tutti pur di conquistare la tanto desiderata notorietà.

La Rea contro il Grande Fratello 14

Tuttavia le scene sconvolgenti e l’entrata nella casa più spiata d’Italia dell’attore hard Rocco Siffredi, della scorsa settimana, sono state considerate “oltre il senso civico del pudore” e hanno scatenato la protesta della Rea, Associazione Radiotelevisioni Europee Associate, che per nome del Presidente, Antonio Diomede ha chiesto di oscurare il reality show per le scene non adatte a un pubblico di fascia protetta dal Codice di Autoregolamentazione Tv e minori.

Inoltre, il Presidente, sul suo account di Facebook, ha dichiarato di aver depositato la denuncia presso AGCOM a carico di Mediaset /Canale 5 per la violazione del Codice e del buon costume, in quanto mostra comportamenti diseducativi, quali la pigrizia, il bivacco sessuale e culturale, e per questi motivi ne hanno chiesto l’oscuramento.

GF14: la passione si spegne?

Nel frattempo al GF14 i concorrenti stanno continuano a dare spettacolo e questa è la volta dell’imprenditrice siciliana, fidanzata fuori dalla casa, Verdiana, la quale si è lasciata andare alla passione con Diego e ha regalato alle telecamere della casa più spiata d’Italia scene hot nascosta sotto le lenzuola. Intanto la passione tra Manfredi e Barbara sembra sia già finita, e Alessandro dopo che Federica ha movimentato l’atmosfera noiosa con un siparietto hot a tre in piscina con Jessica e Kevin, e dopo l'ennesima lite con l'ex fidanzata Lidia, ha deciso di allontanarle entrambe.

I migliori video del giorno

Se volete rimanere aggiornati sulle Anticipazioni Tv del Grande Fratello 14 di quest'anno, vi invitiamo a cliccare su “Segui” sotto il titolo dell’articolo.