Corti e Onnis hanno esibito nella puntata di ieri del programma Mediaset dei documenti che mostrano i fatti accaduti nei pressi di casa Marquez, venerdì scorso. Una notizia anticipata già nel comunicato presentato dalle due 'Iene' nei giorni scorsi. La stampa spagnola aveva riportato, suscitando grande clamore, la versione del pilota dell’Honda e per protesta a Cervera, la città di Marc, si è tenuta nei giorni passati una manifestazione per sostenerlo dopo ‘le violenze’ subite e l’episodio di Sepang.

I retroscena dell'episodio nella puntata di ieri

A distanza di qualche giorno è arrivata la risposta delle due ‘Iene’. Gli inviati si sono presentati ieri sera davanti al pubblico con un collarino, cautela necessaria per le percosse subite la settimana scorsa in Spagna.

Nonostante la telecamera distrutta e la scheda video requisita durante la colluttazione, le 'Iene' hanno presentato le prove della loro innocenza: una registrazione audio con le voci dei protagonisti dell’episodio e un video girato durante l’arrivo delle forze dell’ordine. I due inviati si sono poi rivolti a Marquez, chiedendo la restituzione della scheda video sparita con le immagini del filmato originale, e hanno riferito dell’esistenza di un’altra registrazione fatta dalla madre del pilota dal balcone di casa, che potrebbe fare chiarezza sulla vicenda.

La denuncia di Corti e Onnis

Nei giorni passati Corti e Onnis avevano dato mandato ai loro avvocati per sporgere denuncia contro Marc Marquez e i suoi familiari per aggressione, lesioni, calunnia e rapina. In un comunicato i due inviati avevano contestato la versione del pilota spagnolo, che accusava i due di averlo aggredito e umiliato; affermazioni riportate sulla denuncia dello stesso Marquez contro le ‘Iene’.

I migliori video del giorno

“Il Pilota non è stato né insultato né umiliato, ancor meno nessuno dei componenti della sua famiglia è stato spinto o strattonato”, dichiarano le 'Iene' ribadendo: “Al contrario, sono state le due Iene Stefano Corti e Alessandro Onnis a subire violenza”.

Una querelle che forse avrà termine se dalla Spagna spunteranno fuori le immagini reclamate da Onnis e Corti.