In queste ultime ore, Claudio Lippi è al centro del gossip. In un'intervista rilasciata al programma pomeridiano Domenica Live, il conduttore ha svelato alcuni dettagli importanti relativi al malore che avuto la notte di Capodanno. Claudio Lippi ha confessato durante la sua partecipazione al programma condotto da Barbara D'Urso, che si era sentito male a causa della sua brutta situazione economica e non per il freddo. Il presentatore televisivo ha dichiarato di aver subito un tradimento finanziario: l'uomo ha confessato che dieci anni fa, aveva dato il suo capitale economico ad una società di investimento, perchè gli aveva promesso un buon profitto.

Pubblicità

Purtroppo, la società non solo non era riuscita a far investire correttamente il denaro, ma aveva anche perso tutto il capitale del presentatore. A causa di queste errate decisioni, Claudio Lippi aveva attraversato un un forte periodo di stress, toccando l'apice durante la notte di Capodanno. Inoltre, nel corso dell'intervista, il conduttore televisivo ha assicurato di non avere una casa, un'auto costosa o altri beni di valore, vivendo sempre con la paura di non riuscire ad arrivare a fine mese.

A causa di questa disastrosa situazione economica, Claudio Lippi è stato costretto a trasferirsi a casa della ex moglie. Inizialmente la donna era apparsa titubante dall'idea di accogliere nella propria abitazione il presentatore, ma poi aveva accettato la proposta, perchè si era resa conto dei gravi problemi economici che aveva l'uomo.

Dopo l'addio a Buona Domenica le offerte di lavoro sono diminuite

Nell'intervista rilasciata a Domenica Live, Claudio Lippi ha inoltre confessato ai telespettatori che dopo aver rescisso il contratto con il programma televisivo Buona Domenica, non è più riuscito a trovare un lavoro continuativo.

Pubblicità

Il conduttore, aveva dichiarato in svariate interviste che il programma televisivo non era idoneo alla sua personalità. Dopo il licenziamento, le proposte di lavoro erano diminuite drasticamente, costringendo Claudio Lippi a lavorare raramente.