Fuoco Amico, la fiction di Canale 5, tornerà mercoledì 20 aprile con la quarta puntata. Le anticipazioni ci dicono che per Enea la prigionia non è affatto semplice, il capitano della Task Force 45 è stato arrestato nella precedente puntata e trasferito immediatamente nella prigione dell'Amis. Ora è tempo di dimostrare la propria innocenza e far vedere una volta per tutte chi sono i veri responsabili dei crimini che stanno caratterizzando la trama di questa avvincente spy-story, la Nexus su tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Fuoco Amico - TF45: anticipazioni 4^ puntata, Enea in carcere

A tenere ancora banco naturalmente anche la storia d'amore tra il nostro protagonista e la ragazza afghana. I due si sono conosciuti durante una missione del capitano Enea, per l'occasione il personaggio interpretato da Raoul Bova aveva salvato un bambino da morte certa e conquistato subito il cuore della ragazza per il suo coraggio e la sua tenacia. Per Samira però, nonostante la passione travolgente, i sentimenti sono in contrasto tra loro, le rispettive posizioni sono infatti sostanzialmente in conflitto, ma non per questo i due protagonisti della vicenda si sono preclusi la storia d'amore, tanto bella quanto indubbiamente difficile.

Ci saranno sicuramente nuovi spunti per la loro love story, ma naturalmente la fase di spionaggio che caratterizza questa fiction Mediaset la farà da padrona. A tal proposito, il nostro Enea è ancora rinchiuso nella prigione, qui viene interrogato da Emma Borghi. Gli altri esponenti della squadra si chiedono che fine abbia fatto il loro leader e si mettono subito alla sua ricerca.

Le anticipazioni di Fuoco Amico – TF45 ci dicono che però nel frattempo anche Gemini e Samira sono pronti a mettere a segno la loro nuova mossa.

Pubblicità

Il loro piano non è ancora del tutto chiaro, mentre Samira infatti cerca di trovare il sistema di aiutare Enea pur senza tradire i propri ideali, dall'altro lato Gemini continua a rimanere estremamente ambiguo sulla vicenda e ancora non sappiamo se le sue intenzioni nei confronti del capitano sono solo positive o trama anche qualcosa di losco nell'ombra. Sta di fatto che ormai per il De Sanctis la situazione si fa sempre più disperata, sarà davvero difficile tirarlo fuori dal carcere con le buone, poiché qualcuno è riuscito a dimostrare con prove inappuntabili la sua colpevolezza, Enea è accusato di omicidio e al momento l'unico modo per liberarlo sembra quello dell'evasione.

Per rimanere aggiornati sulle prossime news vi invitiamo a cliccare il tasto Segui poco più in alto del titolo.

Leggi tutto