Sembrava che Beautiful dovesse terminare la sua attività a breve, tanto che in alcuni comunicati dei fan italiani usciti a marzo, si parlava della fine della soap tra le più longeve delle storia. Il calo di ascolti registrati è notevole, ma si pensa ancora che un colpo di coda deciso possa ridare linfa ad una soap opera che va in onda dal 1987 negli Stati Uniti e dal 1990 in Italia. Molti personaggi sono usciti dalla serie e molti attori sono cambiati durante gli anni, ma il seguito del pubblico era sempre stato forte fino a poco tempo fa.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Beautiful

Adesso si cerca di fare il punto della situazione per capire quali sono i punti forti, e quali invece quelli deboli sui quali intervenire.

Beautiful e la maternità surrogata

Secondo la Cbs, la fetta di telespettatori che si sono allontanati è quello delle donne che rientrano nella fascia di età compresa tra i 18 e i 49 anni, per una perdita di telespettatori che si aggira intorno alle 450 mila unità.

L'idea del gruppo è che il problema sia legato alla scelta di inserire in Beautiful il tema della maternità surrogata. In pratica, Maya obbliga la sorella Nicole a confessare qual è la sua vera identità (primo personaggio transgender della serie), in accordo con Rick Forrester il marito, e le chiedono di portare in grembo il loro figlio. La Cbs non mostra di credere nella tolleranza e nel rispetto delle libere scelte delle persone, come invece dovrebbe essere vista la scelta di inserire nella serie un tema così importante. Mostrano di avere una opinione un po' scadente del proprio pubblico, e forse questo non aiuta nella crescita dello share.

29 anni e oltre 7 mila puntate

Da quando è uscita negli Stati Uniti la soap Beautiful, il giorno 23 marzo 1987, sono andate in onda oltre 7 mila puntate e con ascolti fino all'anno passato di alto livello.

I migliori video del giorno

In Italia le serie è arrivata con un po' di ritardo sul teleschermo, esattamente il 4 giugno 1990. Nel tempo la serie ha recuperato il divario tra le puntate americane e quelle italiane, raggiungendo una differenza di appena 5 mesi (circa 100 puntate). La notizia della possibile chiusura comunque è stata presa male da quelli che ancora sono affezionati alla soap, e la scelta della Cbs di rinnovare sarà accolta sicuramente con molto entusiasmo. A quanto dicono dai vertici della produzione, ci sono già delle idee pronte che potrebbero dare una nuova vita alla soap americana.