Squadra antimafia 8 Il ritorno del boss ha debuttato in prima serata su Canale 5 lo scorso giovedì 8 settembre: un appuntamento decisamente molto atteso di questa nuova stagione televisiva autunnale che promette grandi ascolti. La puntata d'esordio sembra essere partita con il piede giusto: la media complessiva, infatti, è stata di 3.6 milioni di spettatori con il 17% di share.

Streaming Squadra Antimafia 8: dove vedere la replica

Numeri che promettono bene in vista delle restanti puntate che vedremo in onda nel corso delle prossime settimane in tv, le quali promettono grandi colpi di scena. Se siete dei fan della fiction Squadra Antimafia 8 ma questo giovedì non avete avuto la possibilità di seguire la puntata d'esordio in prima tv, vi segnaliamo che sarà possibile rivederla in replica streaming online sul sito web gratuito VideoMediaset.it, dove la trovate caricata nell'appoista sezione dedicata alla serie tv, dove sarà possibile riguardare anche le vecchie puntate delle stagioni precedenti.

Non sono previste ulteriori repliche di questa prima puntata in tv sui canali free del gruppo Mediaset come ad esempio Mediaset Extra, dove in molti si aspettavano una riproposizione prima della messa in onda della seconda puntata che vedremo il 15 settembre su Canale 5.

Spoiler Squadra Antimafia 8: chi ha ucciso Tempofosco?

Intanto le anticipazioni su quello che vedremo in onda nelle prossime puntate di Squadra Antimafia 8 Il ritorno del boss rivelano che Anna Cantalupo porterà avanti le indagini per scoprire il nome dell'attentatore che ha portato alla morte di Davide Tempofosco, deceduto in seguito all'esplosione della bomba. Solo col passare del tempo, gli uomini della Duomo scopriranno che l'artefice dell'attentato è Reitani, un boss siciliano tornato nuovamente in paese per riprendere in mano il controllo della situazione.

I migliori video del giorno

Il boss sembra essere ancora più spietato di prima e oltre ad essere l'artefice di morti violenti, lo vedremo anche stringere dei nuovi affari della portata di miliardi di euro con famiglie mafiose locali.