Manuel Agnelli, frontman degli Afterhours e giudice di X Factor 10, confessa di essersi trovato sorprendentemente bene in un contesto sulla carta lontanissimo dal suo universo e dal suo stile di vita, quello televisivo: 'A x factor mi sono sentito me stesso, ma è un programma che coinvolge al 100% e non so se avrò voglia di far parte di un'altra edizione. Per lo show ho delle idee, ma per ora me le tengo per me'. Secondo Agnelli, venerato maestro del rock alternativo, il talent show di Sky che questa sera chiude i battenti dopo una stagione a dir poco trionfale è un prodotto impeccabile dal punto di vista televisivo e produttivo, ma può dare di più sul piano dei contenuti: 'ora è uno spettacolo televisivo musicale, a me piacerebbe che diventasse uno spettacolo musicale in tv'.

Pubblicità
Pubblicità

'Il successo è fare ciò che piace, non ciò che funziona'

In questa edizione dello show, Manuel ha seguito la categoria degli over, i ragazzi sopra i 25 anni, certamente più giovani di lui, ma non così distanti: 'il percorso con loro, con Andrea, Silva Fortes ed Eva (l'unica ad essere arrivata in finale) è stato umanamente bello, gli under sono già diversi, hanno un'idea di successo fuorviante, per loro la tv è tutto. Ai ragazzi dico: ho una famiglia, un cane, una casa, una Volvo di quarta mano. Ma si vive meglio così, perché il vero successo è fare ciò che piace, non ciò che funziona'.

'Stimo i miei colleghi giudici'

Sui compagni d'avventura a X Factor, Agnelli non riserva che belle parole. Indubbiamente tra loro chi più di tutti sa interpretare il presente discografico è Fedez, quello con la mentalità più imprenditoriale: 'è un manager, un produttore, nessuno sa vendere i dischi come lui in Italia. Ho stima di lui'. Rispetto ad Alvaro sottolinea la distanza di mondi, registri, immaginari musicali: 'musicalmente è una persona lontanissima da me, ma umanamente è fantastico, intelligente e un gran professionista'.

Pubblicità

Anche su Arisa, il giudice con cui più si è scontrato, Manuel ha le idee chiare: 'lei è stato l'elemento disturbante, l'unica vera punk del gruppo. Ma il lato oscuro che ha nella vita dovrebbe riversarlo nella musica'.

Leggi tutto