Netflix è senza ombra di dubbio la piattaforma per lo streaming online più famosa. Complici del successo mondiale riscontrato, sono sia l'inserimento di episodi di Serie TV inediti in contemporanea con l'America - come nel caso della sesta stagione di Once Upon a Time - sia, se non soprattutto, i nuovi titoli "original Netflix", che stanno pian piano conquistando il cuore di miliardi di spettatori.

Tra questi, il maggior titolo di punta -al di là di Orange is the New Black- è sicuramente Black Mirror, la serie tv futuristica creata da Charlie Brooker,

Black Mirror, l'umanità schiava della tecnologia

Al giorno d'oggi è quasi impossibile non trovarsi a fissare o a utilizzare uno schermo digitale, che sia per lavoro o per svago. L'utilizzo della tecnologia, e dei social network nello specifico, ha cambiato il modo di pensare e di comunicare degli esseri umani che, spesso preferiscono "postare un momento" piuttosto che viverlo.

Questo il punto focale che tiene unita l'intera trama della serie tv antologica Black Mirror che, analizzando il disagio della collettività rispetto alle nuove tecnologie, riflette non soltanto quella che è l'esistenza della società del ventunesimo secolo, ma anche quella probabile delle generazioni future, sempre più assuefatte alla tecnologia. Microcip impiantati nel cervello che registrano ogni momento della nostra vita; indice di gradimento sui social, utilizzato come "garanzia" nel mondo reale; videogiochi capaci di modificare lo schema basandosi sulle nostre paure, quello portato in scena nella serie è un futuro non troppo lontano, dove, la tecnologia che dovrebbe aiutare l'essere umano finisce per renderla schiavo, spesso portandolo a toccare il fondo della propria esistenza .

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie TV

Ma, per quanto Black Mirror sia stato pensato per mostrare " il riflesso scuro" della moderna società, un barlume di speranza c'è, ed è nascosto in un episodio della terza stagione, dal titolo "San Junipero", che potrebbe avere un sequel durante la quarta stagione in programma per il 2017.

Black Mirror 4, il sequel di San Junipero e l'arrivo di Jodie Foster

Quando Netflix acquistò i diritti di Black Mirror, emise un ordine di 12 episodi ma Charlie Brooker si oppose, affermando che sarebbe stato troppo pesante girarli tutti insieme.

Quindi, emittente e produttore si accordarono per dividere i 12 episodi in due diverse stagioni: la terza, attualmente disponibile su Netflix e la quarta, programmata per il 2017, in cui saranno presentate delle interessanti sorprese.

La prima di queste riguarda le voci che corrono sul sequel dell'episodio "San Junipero", forse l'unico con un lieto fine che, stando a quanto riportato da Reddit e confermato dal regista della serie Owen Harris, dovrebbe essere concluso durante la quarta stagione di Black Mirror, con una serie di risposte alle domande lasciate in sospeso e, questa volta, il finale non sarà piacevole come il precedente.

La seconda sorpresa invece, riguarda l'arrivo del due volte premio Oscar Jodie Foster dietro la macchina da presa, alla direzione di un episodio di Black Mirror 4 con protagonista Rosemarie DeWitt ( Cinderella Man e La La Land ).

Per ora, non ci è ancora dato sapere di cosa tratterà ne l'episodio diretto dalla star del "il silenzio degli innocenti" ne l'intera quarta stagione di Black Mirror ma, stando ad un recente tweet di Brooker, stavolta potrebbero essere i bambini a restare intrappolati nel suo futuristico mondo tecnologico.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto