La monarchia inglese ci ha abituati a incredibili sorprese: dalle musiche di Grease suonate sotto Buckingham Palace, alle bricconate del principe Harry finito nudo nelle copertine dei giornali di mezzo mondo, per finire con il suo matrimonio con una attrice di origine afroamericana. La storica rigidità delle monarchie ha lasciato spazio all'innovazione e all'umanità, cambiando per sempre le regole di corte. E la regina è stata sempre la maggior rappresentante di questo.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Anticipazioni Tv

La sfilata di Richard Quinn

Di certo, però, nessuno si aspettava l'apparizione della regnante ad una sfilata di moda. In azzurro pastello, con guanti ed accessori rigorosamente total black, Elisabetta II si è accomodata su una sedia con uno speciale cuscino riservatole, accanto ad Anna Wintour, la direttrice di Vogue America, che di moda sicuramente se ne intende.

Accanto a quest'ultima siede Angela Kelly, “Personal Assistant, Adviser and Curator to Her Majesty the Queen”, ovvero colei che si occupa del guardaroba di Sua Maestà, nonché dei suoi outfit. Al momento dell'entrata in sala il pubblico si è alzato in piedi a salutarla per poi iniziare a scattare foto da postare sui social a testimonianza dell'eccezionale occasione. L'evento è la sfilata di Richard Quinn, 26 anni, al quale è stato in seguito consegnato il Queen Elizabeth II Award for British Design, un premio dedicato ai giovani talenti britannici nel campo della moda: «Come riconoscimento a questa industria, e come lascito a tutti coloro che hanno contribuito alla moda britannica, presento questo premio dedicato ai giovani talenti», ha detto Elisabetta II consegnando il premio. La regina è sembrata molto a suo agio e rilassata mentre scambia commenti ed opinioni con le sue vicine di posto, senza mai applaudire.

Nel frattempo anche la moglie del principe William, Kate, è intervenuta alla serata di gala svoltasi a Buckingham Palace con tema "Commonwealth Fashion Exchange", ovvero rafforzare gli scambi tra membri del Commonweath nel settore della moda.

Sua Maestà è, dopotutto, nota per i suoi look "evergreen"

Dopo sessantacinque anni di regno la regina più longeva del trono d'Inghilterra ha per la prima volta assistito alla settimana della moda londinese. Ma è noto a chiunque che la sovrana sia una indiscutibile icona di stile. Nel corso degli anni ci siamo abituati ai suoi abiti e alla loro varietà di colori, i caratteristici colori pastello e i particolarissimi cappelli (sempre in tinta), che l'hanno caratterizzata durante tutto il suo regno.

Novantadue anni il prossimo 21 aprile, la sovrana continua a stupirci, e sembra essere in forma smagliante nonostante già dall'anno scorso sia stato stabilito il piano d'azione in caso di suo trapasso a miglior vita. "London Bridge is down" sarà il messaggio in codice che riceverà il primo ministro britannico alla morte della regina, dodici giorni di lutto nazionale e sospensione di tutti i programmi televisivi e radiofonici.

A quanto pare il london Bridge dovrà aspettare prima di crollare.

La regina ha sicuramente ancora molte altre sorprese in caldo per noi.