Rinviato a giudizio per lesioni e violenza privata il figlio del noto cantante napoletano Gigi D'Alessio [VIDEO]. Claudio, 30 anni, sarà processato per una vicenda che risale al luglio del 2014, è accusato di aver aggredito la domestica ucraina, Halyna Levkova, in un appartamento dei Parioli, a Roma. Il processo inizierà il prossimo 7 novembre, il tribunale del Lavoro ha già dato ragione alla colf, che dovrà ricevere 10mila euro dal figlio del cantautore.

La violenza dopo una lite con la ex

Come riporta il Fatto Quotidiano, la vicenda risale alla sera del 5 luglio 2014. In un appartamento dei Parioli, elegante quartiere romano, è scoppiata una violenta lite tra d'alessio jr e la fidanzata dell'epoca, l'ex consigliera regionale della Lombardia Nicole Minetti.

Gli animi erano parecchio surriscaldati e le urla hanno svegliato la 40enne domestica, che dormiva nella sua stanza, nella soffitta dell'appartamento. La donna è scesa al piano di sotto per chiedere al figlio del noto contante di abbassare la voce perché non riusciva a riposare. Questo ha scatenato l'ira del 30enne, che ha risposto in malo modo: "Questa è casa mia e faccio come mi pare". La donna, a quel punto, stanca delle vessazioni che subiva da tempo, ha chiesto di essere pagata perché l'indomani sarebbe andata via.

La colf: costretta a lavorare al limite della schiavitù

Secondo quanto raccontato agli inquirenti, la colf era costretta a lavorare "in condizioni inumane, al limite della schiavitù, lavorando in nero per 15 ore al giorno". Di fronte alla richiesta del denaro, D'Alessio jr sarebbe salito in soffitta, dove avrebbe scatenato la sua ira.

Secondo il racconto della domestica, avrebbe scaraventato a terra i vestiti della donna, per poi spingerla contro il muro e minacciarla con una sedia. Il figlio del cantautore napoletano ha sostenuto di aver agito per legittima difesa per difendere se stesso e l'ex fidanzata, aggrediti dalla colf ucraina. La donna, letteralmente sbattuta fuori di casa mentre era ancora in ciabatte, si è diretta subito all'ospedale San Filippo Neri, dove i medici hanno riscontrato lesioni guaribili in 10 giorni. Ematomi, cervicalgia e stato d'ansia per la 40enne, che ha vinto il primo round davanti al tribunale del lavoro, che gli ha riconosciuto 10mila euro, somma che D'Alessio jr deve ancora versare. Durante l'udienza davanti al gup Maria Clementina Forleo, è stata chiamata a testimoniare anche Nicole Minetti.