Mercoledì 14 aprile, su Rai3, è stata trasmessa una nuova puntata di Chi l'ha visto? il programma condotto da Federica Sciarelli. La conduttrice, dopo avere ospitato Piera Maggio, ha espresso la sua opinione. Sebbene Sciarelli non abbia condiviso le dinamiche del programma russo "Lasciali Parlare", ha cercato di vedere l'unico lato positivo: grazie alla 20enne russa, il caso legato alla scomparsa di Denise Pipitone è tornato alla ribalta delle cronache.

Il commento della conduttrice

Durante la messa in onda di Chi l'ha visto? Federica Sciarelli ha esordito: "Veniamo fuori da giorni in cui siamo frastornati e parlo anche per me".

La conduttrice di Rai3 ha spiegato che in seguito all'appello di Olesya Rostova lanciato nel talk russo "Lasciali Parlare", lei e Piera Maggio sono rimaste sempre in contatto. Sciarelli si è tolta qualche sassolino dalla scarpa sul programma condotto da Dmitry Borisov: "Abbiamo visto di tutto, le buste, le pretendenti madri e altro..." Federica ha confidato che avendo vissuto da vicino il dolore di Piera Maggio, ha compreso il suo stato d'animo.

Nonostante tutto, la diretta interessata ha spiegato che verificare la segnalazione era un dovere. Poi, ha cercato di vedere il lato positivo di quanto accaduto: "Grazie a questa cosa di Olesya, si è rimesso sul tavolo tutto". La presentatrice televisiva ha fatto presente che nelle televisioni nazionali non si parlava più della scomparsa di Denise Pipitone.

Dunque, riportare l'attenzione su questo caso ha riacceso i riflettori.

'Chi sa dovrebbe liberarsi e parlare'

Federica Sciarelli ha parlato anche dell'unica segnalazione che arrivò su Denise Pipitone, 10 giorni dopo la scomparsa della bambina di Mazara del Vallo. La presentatrice di Chi l'ha visto? ha confidato che fu una telefonata molto strana, visto che invitarono la trasmissione ad andare a cercare la bambina sui pescherecci.

Secondo Sciarelli, chi sa dovrebbe liberarsi e parlare di quanto accaduto quel 13 settembre del 2004. Infine, ha concluso con una sorta di appello: "L'odio tra i grandi non può e non deve colpire una bambina".

Piera Maggio: 'Volevano che andassi in tv a fare il teatrino'

A Chi l'ha visto? Piera Maggio ha spiegato che alcune persone l'hanno invitata a non dare ascolto al racconto di Olesya Rostova.

La diretta interessata, però, ha spiegato che tutte le segnalazioni vanno verificate. In passato, la donna ha ammesso di avere ascoltato anche segnalazioni che meritavano meno. Tuttavia, Piera ha confidato di non essersi trovata d'accordo con i metodi utilizzati dal talk russo: ad esempio la redazione di "Lasciali Parlare" era a conoscenza del DNA della 20enne, ma non lo ha mai fornito. Sulla base di quanto dichiarato la mamma di Denise ha chiosato: "Volevano che andassi in tv a fare il teatrino".

Per questo motivo con l'aiuto del suo legale, Piera Maggio ha chiesto l'esame del sangue ad Olesya Rostova: "L'unico metodo per accelerare i tempi".

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!